Gaeta torna ducato: ecco il Capodanno bizantino

Gaeta torna ducato: ecco il Capodanno bizantino

“A Gaeta, Repubblica Marinara nel Medio Evo e teatro ideale per una rievocazione di eventi e fasti che ne decretarono l’enorme importanza nel Mediterraneo, quest’anno, per la prima volta da quell’epoca, si celebra il Capodanno Bizantino che, secondo il calendario Giuliano, cade tra il 31 agosto ed il 1 settembre di ogni anno”. Lo rendono noto gli organizzatori.

“L’evento di quest’anno, settembre 2019, creato e organizzato dal ‘Comitato Organizzativo Capodanno Bizantino – Ducato di Gaeta’ in collaborazione con l’associazione culturale ‘Gaeta e il Mare’ e patrocinato dall’Arcidiocesi di Gaeta, il Comune di Gaeta, prevede due momenti susseguenti l’uno all’altro destinati: il primo, ad illustrare la storia, l’arte, la politica e l’economia dell’antico Ducato (che comprendeva i comuni rivieraschi intorno a Gaeta, oltreché la stessa Gaeta ed alcuni territori contigui della Ciociaria, comprensorio territoriale che oggi ancora rientra nella giurisdizione dell’Arcidiocesi di Gaeta) e che consiste nel convegno presso la sala consiliare del Comune di Gaeta il giorno 3 settembre 2019 alle ore 17”.

Condotto dalla dottoressa Myriam Spaziani Testa, il convegno si apre col saluto delle Autorità. Segue l’intervento della professoressa Gelsomina Gonnella che presenta il progetto, quindi l’ingegner Cosmo Di Russo che parlerà su: ‘La presenza Gaetana a Bisanzio’; il professor Nicola Barbatelli, storico dell’arte: ‘Riflessioni sull’arte bizantina’; la dottoressa Amelia Izzo Amoroso d’Aragona: ‘Donne che hanno fatto la storia di Bisanzio, Teodora’; l’ingegner Giandomenico Glinni: ‘Un esordio normanno tra Bisanzio e Gaeta’; il capitano Luigi Passeggio: ‘Il futuro di Gaeta come Repubblica Marinara’; l’ingegner Guido Guinderi: ‘Presentazione del Corteo Storico’; l’avvocato Sabrina De Luca: ‘Forti del passato, costruiamo il nostro futuro, per raggiungere nuovi orizzonti’.

Il secondo appuntamento si terrà dalle 17 dell’8 settembre nella Gaeta medievale, dove un corteo storico composto da oltre cento figuranti in costume d’epoca – appartenenti a diverse associazioni che rappresentano i vari comuni dell’antico Ducato, e che per la prima volta si esibiscono insieme in una coreografia corale, tra cui cavalieri, sbandieratori, rappresentanti della nobiltà, del clero, delle arti, dei mestieri e del popolo – si snoderà tra la Villa Comunale Traniello e il Molo Santa Maria, per concludersi con la rievocazione dell’investitura dell’Ipata o Magister ed i Comites.

Al corteo partecipano anche gli alunni dell’Istituto comprensivo ‘Principe Amedeo’ di Gaeta con i loro costumi. Ad organizzare la kermesse, Antonella Spinello e Domenico Solino.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]