Decreto sicurezza bis, Trano (M5S): “Poste basi per potenziare magistratura antimafia nel Basso Lazio”

Decreto sicurezza bis, Trano (M5S): “Poste basi per potenziare magistratura antimafia nel Basso Lazio”

Durante la seduta di giovedì dedicata alla conversione in legge del “Decreto sicurezza bis” (decreto-legge 14 giugno 2019, n. 53, recante disposizioni urgenti in materia di ordine e sicurezza pubblica C.1913-A) la Camera dei Deputati ha accolto un ordine del giorno a firma del deputato pontino del Movimento 5 Stelle Raffaele Trano, che impegna il governo “a valutare l’opportunità di attivarsi, per quanto di competenza, per riesaminare le piante organiche delle procure della Repubblica nelle aree del territorio nazionale ad alta densità mafiosa”

“Il documento – spiega Trano – raccoglie la preoccupazione per la presenza reale di organizzazioni mafiose nel Basso Lazio, come constatato dal capo della Procura di Roma Giuseppe Pignatone e dal procuratore aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma Michele Prestipino: nel recentissimo volume ‘Modelli criminali, Mafie di Ieri e di Oggi’ i magistrati definiscono questo territorio come un vero e proprio ‘laboratorio’, dove sono presenti organizzazioni criminali di matrice diversa.

Altrettanto preoccupante è la natura camaleontica che hanno assunto queste organizzazioni. Del resto al termine della sua visita al prefetto dottoressa Maria Rosa Trio, il sottosegretario all’interno con delega all’Antimafia Luigi Gaetti ha ribadito che ‘i reati predatori fanno spazio a quelli economici a Latina e nel resto della provincia ed è la prova della presenza di criminalità che vuole investire i capitali illeciti per ripulirli’.

L’onorevole Trano (Movimento 5 Stelle)

Abbiamo poco tempo per salvare il territorio della provincia di Latina dalla massiccia invasione della criminalità organizzata. Interi settori – continua il deputato pentastellato – stanno passando di mano, mentre gli imprenditori, sempre più emarginati, preferiscono abbandonare attività storiche e, per quanto possibile monetizzare. Tra i settori più a rischio c’è sicuramente quello commerciale, dove il continuo cambio di ragioni sociali e proprietà rende molto complessa l’individuazione. Una situazione esplosiva a cui contribuisce sul fronte degli appalti, l’assegnazione ad un numero limitato di ditte, sempre le stesse, come già evidenziato dalle inchieste Tiberio I e II ed altre.

Presenza storica della camorra, avanzata della ndrangheta in diversi centri, mafia autoctona in grado di condizionare un’intera provincia, sono una realtà acclarata da tempo e confermata attraverso recenti sentenze che hanno riconosciuto l’applicazione dell’aggravante del metodo mafioso.

In due distinte interrogazioni (n.4/00465, seduta di annuncio del 14/06/2018; n.4/02679, seduta di annuncio del 5/4/2019) avevo posto l’accento sulla necessità di implementare l’apparato giuridico ed investigativo che si occupa di contrastare la criminalità organizzata nel territorio della provincia di Latina attraverso il potenziamento della Dia e l’unificazione dei commissariati di Formia e Gaeta con l’istituzione di una sezione della squadra mobile.

Oggi, sulla scorta di numerosi confronti con operatori ed esperti del settore tra cui l’Associazione nazionale Antimafia Antonino Caponnetto – conclude Trano – poniamo le basi per estendere le sezioni distaccate della direzione distrettuale antimafia o comunque aumentare il numero di magistrati con questo tipo di delega anche nei territori non sede di corte d’appello ma con problematiche di infiltrazioni mafiose conclamate”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social