Intimidazioni al Parco e ai Carabinieri Forestali, le prove al Ris

Intimidazioni al Parco Nazionale del Circeo, le indagini proseguono. Non si sono spenti i riflettori su quanto accaduto lo scorso 24 giugno presso il centro visitatori del Parco Nazionale del Circeo quando furono rinvenute taniche piene di gasolio agricolo fuori dagli uffici del Parco ed una lettera contenente 4 cartucce destinata al comandante della Stazione dei Carabinieri Forestali, Alessandro Rossi.

Anzi si potrebbe dire che da un certo punti vista le indagini siano appena iniziate. Quel giorno la scientifica repertò per ore quanto rinvenuto nell’area interessata dall’atto intimidatorio ed ora le prove raccolte sono al vaglio del Ris che proprio nella giornata di ieri, ha avviato i riscontri. Esami dettagliati e minuziosi ovviamente che potrebbero portare a breve a delle risposte significative. La procura ha com’è noto aperto un fascicolo sulla vicenda e le indagini procedono serrate anche qui, la pista seguita con ogni probabilità è stata già definita.