Carabiniere finisce in ospedale dopo avere salvato una donna che stava annegando

Stava trascorrendo una mattinata al mare ad Anzio quando improvvisamente ha sentito delle urla provenire dall’acqua. Non ci ha pensato un momento, Danilo Beti, maresciallo del Nas di Latina a tuffarsi in acqua per trarre in salvo una donna di circa 50 anni che in balìa della corrente non riusciva a tornare a riva. Il militare dell’Arma si è tuffato riuscendo a salvare la donna ma a sua volta è stato ricoverato dopo avere accusato un malore dovuto probabilmente alla fatica fatta considerando che la corrente era molto forte.

Una vita è stata salvata grazie al gesto del carabiniere del Nas ed anche il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta dalla sua pagina Facebook ha mandato un suo messaggio a Danilo Beti, che riportiamo: “Forza Danilo! Danilo è un Maresciallo Capo dei Carabinieri e ieri mattina stava passeggiando con suo figlio ad Anzio, sulla spiaggia, quando le urla provenienti dal mare hanno richiamato la sua attenzione. Una donna stava annegando. Danilo ha lasciato la mano del bambino e si è tuffato in acqua nuotando come un campione olimpico portando la donna sino alla boa più vicina. Li’, in balia delle onde, hanno atteso l’arrivo dei soccorsi mentre il Maresciallo rasserenava la donna. Giunti in spiaggia, anche Danilo ha avvertito un malore ed è stato soccorso. Forza Danilo, recupera in fretta e ritrova le energie anche grazie al calore di tutti noi. Hai salvato una vita, sei un eroe e quegli Alamari davvero li hai cuciti sulla pelle perché non si potrebbe spiegare altrimenti la forza e il tuo infinito coraggio”.