“Colei che porta alla luce”, l’evento nel Parco Archeologico di Norba

“Colei che porta alla luce”, l’evento nel Parco Archeologico di Norba

Venerdì 21 giugno il Comune di Norma, in accordo con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Frosinone, Latina e Rieti, in collaborazione con la Consulta delle Donne ed il Gruppo Archeologico di Norma, organizza presso il Parco Archeologico di Norba una grande manifestazione dal titolo “Colei che porta alla luce”.
La dea Giunone, massima divinità femminile della religione romana antica, era invocata a Norba con l’epiteto di Lucina, “colei che porta alla luce”: proteggeva le partorienti ed in suo onore venivano celebrate le Matronalia.
A Norba un grande luogo sacro (santuario) era a lei dedicato: percorrendo il grande asse viario della città, si raggiungeva il santuario che sorge sul ciglio della balza che sovrasta le mura di Norba a sud-ovest. Il complesso, riportato alla luce negli scavi di inizio ‘900, consta di un tempio, un piazzale porticato ed altre strutture. Grazie alla scoperta di due importantissime iscrizioni latine su lamina di bronzo gli archeologi hanno attribuito il santuario a Giunone Lucina.
Il tempio, di cui se ne conserva il basamento, in opera poligonale a grandi blocchi, ha una pianta rettangolare che si può ricostruire con due colonne sulla fronte. Un muro interno divideva il pronao dalla cella. Il tempio fu eretto tra la fine del IV e gli inizi del III sec. a.C., ma doni votivi più antichi indicano l’esistenza di un più antico luogo di culto, riferibile già al V sec. a.C.
É notizia di questi giorni, grazie al lavoro svolto dai Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale, il recupero ed il rimpatrio di una statuetta in bronzo raffigurante “Fanciulla con colomba” del IV sec. a.C. (oggi visibile a Roma presso il Palazzo del Quirinale nella mostra “L’arte di salvare l’arte. Frammenti di storia d’Italia) che faceva parte proprio degli oggetti rinvenuti a Norba nel 1902 negli scavi del tempio di Giunone.
L’Antica Città di Norba, con i preziosi scavi archeologici, le sue ricchezze paesaggistiche e con il suo splendido panorama sulla Pianura Pontina, farà da cornice fino al tramonto a questo evento dedicato a tutte le donne.

PROGRAMMA

COLEI CHE PORTA ALLA LUCE
Incontro presso il Parco Archeologico di Norba – Area sacra di Giunone Lucina

VENERDÌ 21 GIUGNO 2019 – DALLE ORE 16.30
INGRESSO GRATUITO

ORE 16.30

  • Appuntamento all’ingresso del Parco Archeologico di Norba (infopoint) e a seguire passeggiata verso il Tempio di Giunone Lucina accompagnati da alcuni figuranti del Gruppo Archeologico di Norma;
  • Sosta al cantiere di restauro della via colonnata, con illustrazione a cura del dott. Francesco Di Mario (Funzionario Archeologo S.A.B.A.P. per le Province di Frosinone, Latina e Rieti) e del dott. Enrico Montanelli (Restauratore);

ORE 17.30
Presso l’area sacra dedicata a Giunone, incontro dal titolo “Colei che porta alla luce”.

Salutano:
Gianfranco Tessitori (Sindaco)
Elisa Ricci (Assessore alla Cultura e alle Pari Opportunità)

Illustra il Santuario e il suo significato:
Stefania Quilici Gigli (Direttore Museo Archeologico di Norma e Scuola Specializzazione Beni Archeologici)
Interviene:
Erika Roncon (Psicologa, psicoterapeuta e mediatrice familiare)

Dalle ore 16.00, presso l’infopoint, un operatore sarà presente per fornire informazioni sul sito di Norba. Al termine dell’incontro, in base alle richieste, sarà possibile partecipare ad una visita guidata gratuita degli scavi archeologici di Norba.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social