Monitoraggio delle berte presenti a Zannone, il Parco affida l’incarico

Monitoraggio delle berte presenti a Zannone, il Parco affida l’incarico

Proseguirà anche quest’anno sull’isola di Zannone il monitoraggio delle berte.

Nell’ambito dei progetti per conservazione della biodiversità, il Parco Nazionale del Circeo è impegnato nel progetto “The big five-razionalizzazione del monitoraggio delle cinque maggiori specie di uccelli marini di interesse conservazionistico dei Parchi nazionali dell’area tirrenica”. E l’ente ha così affidato nuovamente l’incarico al Gruppo Pontino di Ricerche Ornitologiche, investendo 17.336 euro sulle attività che verranno compiute nel 2019 e in parte il prossimo anno, mettendo a disposizione degli ornitologi i mezzi del Parco al fine di risparmiare nei diversi viaggi sui costi di un gommone.

Una scelta fatta ritenendo che l’associazione, a cui lo stesso Parco ha già dato quasi 26mila euro negli ultimi tre anni, abbia maturato un’esperienza decennale nel monitoraggio e nelle attività di inanellamento.

Il lavoro è incentrato sulle colonie di berte presenti a Zannone e il monitoraggio si concentrerà nel periodo riproduttivo di tali uccelli marini, tra marzo e settembre.

Verranno poi cercate nuove colonie e tane, verrà effettuato il conteggio degli assembramenti serali delle berte per stimare la dimensione delle colonie, verrà installato un gps sugli uccelli catturati e inanellati, al fine di identificare le aree marine chiave per la riproduzione, e verrà fornita collaborazione nell’installazione di un sistema di videosorveglianza sulle colonie e i nidi.

Per quanto riguarda invece l’analisi della presenza del marangone dal ciuffo se possibile verranno effettuati due sopralluoghi.

I dati raccolti verranno infine archiviati e verrà depositata una relazione.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social