Rapina ai Magazzini Maury’s del 2009, assolto grazie alla prova del DNA

Rapina ai Magazzini Maury’s del 2009, assolto grazie alla prova del DNA

Era stato condannato per rapina aggravata a seguito dei fatti di cronaca che il 14 novembre del 2009 avevano permesso a due malviventi coperti di passamontagna di fuggire con circa 3.400 euro in contanti che si erano fatti dare dalle cassiere.

Dopo la fuga vennero individuati ed arrestati due pregiudicati di Latina, Mauro Mengoni e Davide Artusa, riconosciuti come i presunti autori del fatto da alcune persone presenti nel locale commerciale al momento della rapina.

Dopo essere stato condannato in via definitiva a due anni e sette mesi di reclusione per rapina aggravata, Davide Artusa, però, nominava suo legale l’avvocato Pasquale Cardillo Cupo che, insieme a Gianni Bove, recuperato l’incartamento della documentazione processuale, presentavano ricorso alla Corte d’Appello di Perugia.

La difesa, infatti, aveva proposto un nuovo esame del DNA sul passamontagna di uno dei rapinatori e ritrovato dagli inquirenti pochi istanti dopo la rapina. Il risultato di tale esame, fanno sapere dalla difesa, ha specificato come il DNA non corrispondesse a quello di Artusa. Dopo la revoca dell’esecutività della sentenza per rapina aggravata, si è conclusa la vicenda: dopo una lunga camera di consiglio, arrivava anche la sentenza di assoluzione della Corte di Appello.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
.uffa { text-align: center; } .inner { display:inline-block; }