Risorsa idrica, le preoccupazioni dell’Organo Tutela Consumatori

Risorsa idrica, le preoccupazioni dell’Organo Tutela Consumatori

“L’OTUC, Organismo Tutela Utenti Consumatori, in merito alla gestione del Servizio Idrico ATO4 Lazio sud, esprime gravi perplessità sull’atteggiamento del relativo Presidente, unitamente alla Conferenza dei Sindaci, per la scarsa attenzione dimostrata verso i problemi della risorsa idrica.
Esempio eclatante, ed ultimo in ordine di tempo, è la mancata approvazione delle modifiche al Regolamento del Servizio Idrico studiate ed approvate da un apposito Tavolo Tecnico. Le modifiche messe a punto, a tutto favore dell’utenza e che risolverebbero numerose proteste e
reclami, sono giacenti presso la STO, Segreteria Tecnico Operativa, ormai da ben 2 anni dopo un lavoro durato alcuni mesi di un Tavolo Tecnico composto dalle Associazioni dei consumatori OTUC,
dalla Dirigente all’epoca della STO e da alcuni Dirigenti di Acqualatina.
Il risultato sarebbe stato l’eliminazione o la modifica di alcuni articoli che secondo noi sono da interpretarsi come discriminatori, a volte fortemente penalizzanti, in alcuni casi al limite della vessazione ai danni dell’utenza.
E’ grave constatare l’inerzia della Conferenza dei Sindaci, parte pubblica che detiene il 51% di Acqualatina, competente a decidere sull’intero Servizio Idrico tra cui evidenziamo l’articolazione tariffaria, la Carta dei Servizi e il Regolamento del Servizio. Unitamente alla STO, la CdS svolge il
ruolo di controllore sull’operato del Gestore con il potere di sanzionarlo quando non adempie ai propri obblighi. In particolare ha il potere di decidere la programmazione delle opere da realizzare e dettarne le priorità.
Purtroppo con amarezza rileviamo come tali compiti, impegnativi e meritevoli della migliore attenzione e di personale adeguato, solo in parte vengano svolti efficacemente mentre sempre più la parte privata si sta appropriando della gestione della risorsa idrica anche grazie al progressivo
depotenziamento della STO, priva di personale adeguato ai pesanti compiti di verifica cui dovrebbe far fronte.
In conseguenza vorremmo la massima chiarezza dal Presidente dell’ATO4 sui seguenti quesiti:
1) se è vero che la stesura dell’articolazione tariffaria per il 2018/2019 sia stata affidata a una
società privata
2) se è a conoscenza che gli Enti pubblici (comuni, scuole ecc..) hanno un debito complessivo
per fornitura di acqua di svariati milioni di euro risultando così tra i maggiori morosi
dell’ATO4
3) quale azioni concrete sono state messe in atto per ridurre la morosità che si ritorce a danno
degli utenti in regola chiamati a rifondere i mancati incassi
4) se è vero che ogni comune percepisce, o dovrebbe percepire, un canone concessorio degli
impianti da parte del Gestore e come vengono utilizzati questi fondi
Organismo Tutela Utenti e Consumatori – ATO4 Latina

5) se è vero che gli utili vengono ripartiti e la somma spettante alla parte pubblica viene
reinvestita. In caso affermativo se tali somme figurano nel budget degli investimenti. Se così
fosse appare quantomeno singolare che ogni anno assistiamo ad aumenti tariffari!
6) se è vero che sono stati spesi decine di migliaia di euro per consulenze e studio per la
ripubblicizzazione della risorsa idrica che a tutt’oggi hanno prodotto risultati nulli
7) se è vero che alcune scelte opinabili da parte di singoli comuni hanno prodotto un ulteriore
aggravio di costi per il Gestore con conseguente aggravio di tariffa per tutti gli utenti
dell’ATO4
Ci auguriamo che l’illustrissimo Presidente possa in tempi brevi dare risposte convincenti a tutti
gli utenti dell’ATO4″.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social