Affari delle coop del verde, il processo slitta ancora

Affari delle coop del verde, il processo slitta ancora

Slitta ancora il processo sugli affari delle coop del verde nel capoluogo pontino.

Il perito incaricato di trascrivere le intercettazioni fatte dalla squadra mobile ha chiesto altro tempo e il Tribunale di Latina ha rinviato l’udienza al prossimo 6 novembre.

Gli imputati – politici, imprenditori e dirigenti comunali – sono accusati, a vario titolo, di abuso d’ufficio e turbativa d’asta.

Un processo frutto delle indagini aperte Mobile durante la consiliatura di Giovanni Di Giorgi dopo la denuncia presentata, il 13 settembre 2014, dall’allora consigliere comunale Gianni Chiarato, a cui ignoti bruciarono nella notte l’auto e che riferì agli investigatori di sospettare che quell’incendio non fosse altro che un’intimidazione compiuta da chi era infastidito dalla sua attività politica, in particolare dai suoi interventi per frenare le spese per la Latinambiente, società che si occupava dell’igiene urbana nel capoluogo pontino, e sulle cooperative incaricate della cura del verde pubblico, che lo avevano fatto finire in contrasto con l’allora vicesindaco Fabrizio Cirilli.

Analizzati i diversi appalti assegnati dal Comune di Latina e visto quanto emerso da numerose intercettazioni, i pm Luigia Spinelli e Cristina Pigozzo si convinsero che, tra il 2011 e il 2014, l’ente locale avesse frazionato illecitamente gli affidamenti per la manutenzione del verde, dando spesso lavori con il presupposto della somma urgenza, in realtà inesistente, e favorendo sempre le stesse cooperative, a tutto danno delle casse comunali.

A giudizio sono così finiti lo stesso Cirilli, i dirigenti e funzionari comunali che hanno firmato gli atti contestati, Grazia De Simone, Raffaele Felicello e Alfio Gentili, e i presidenti delle coop che hanno beneficiato degli affidamenti, Dario Campagna, presidente della coop “Il Gabbiano”, il più legato a Cirilli, Giuseppe Bagnato e Annunziata Bruzzese, de “La Tartaruga”, Maria Edvige Angotta, della “Zefiro”, Massimo Di Guglielmo, della “Progetto 2000”, e Angelo Nicotra, della “San Benedetto”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]