Ricette false e Viagra sul mercato nero, il processo entra nel vivo

Ricette false e Viagra sul mercato nero, il processo entra nel vivo

Entra nel vivo il processo a quella che, secondo gli inquirenti, era un’associazione per delinquere, operante tra le province di Latina, Roma e Frosinone, impegnata a fare affari presentando nelle farmacie prescrizioni mediche false a carico di anziani esenti perché invalidi di guerra e poi piazzando farmaci costosi, a partire da quelli contro le disfunzioni erettili, sul mercato nero.

Tre imputati hanno scelto di essere giudicati con rito abbreviato e uno di loro, Michele Rivignano Vaccari, 29enne di Afragola, detto Stefano, stabilitosi a Pontinia, è stato ascoltato dal giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Latina, Mario La Rosa.

L’imputato ha sostanzialmente ammesso i fatti a lui contestati e fornito alcuni chiarimenti sulla presunta organizzazione.

Il processo, a carico di Rivignano Vaccari, Ilenia Marconi, 45enne di Priverno, e Francesco Sodano, 52enne di Priverno, proseguirà quindi il prossimo 17 maggio.

La 30enne Sonia Battisti ha deciso invece di patteggiare, ottenendo un patteggiamento a due anni e otto mesi di reclusione, e il dott. Enzo Ricci, medico di base di Sezze, Carolina De Bonis, di 47 anni, e Remo Callarinci, 73enne di Roma, hanno optato per un giudizio ordinario, in corso davanti al Tribunale di Latina.

I sette erano stati arrestati nel maggio scorso dalla Guardia di finanza, accusati di aver dato vita a un’organizzazione criminale che avrebbe commesso più reati di falso, truffa ai danni del servizio sanitario nazionale, corruzione e ricettazione.

Un’attività illecita che, secondo gli inquirenti, sarebbe stata portata avanti da Rivignano Vaccari e Sodano, con l’aiuto delle loro compagne, Battisti e De Bonis, grazie alla contraffazione delle ricette ricevute dal dott. Ricci, tramite la collaboratrice del camice bianco, Marconi.

A collaborare soprattutto nella commercializzazione dei farmaci prelevati con le ricette fasulle sarebbe poi stato Callarinci.

Sono stati monitorati i prelievi di farmaci presso farmacie di Monte San Biagio, Latina, San Felice Circeo, Pontinia, Terracina, Fondi e Roma. Infine le intercettazioni.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social