Terracina, presto al via i lavori di restauro del Teatro Romano e della Chiesa del Purgatorio

Incontro in Comune con la Soprintendenza ai Beni Culturali. Il sindaco Procaccini: “Presto potremo ammirare in tutta la loro bellezza due monumenti così importanti per la nostra città”

Terracina, presto al via i lavori di restauro del Teatro Romano e della Chiesa del Purgatorio

Ha avuto luogo oggi, presso la Sala Giunta del Comune di Terracina, una riunione su due progetti che interessano il Centro Storico alto della città: il primo riguardante il recupero e restauro dell’area archeologica del Teatro Romano; il secondo, inerente l’adeguamento sismico e la messa in sicurezza della Chiesa del Purgatorio.

Presenti il sindaco Nicola Procaccini, gli assessori Barbara Cerilli (Cultura), Luca Caringi (Lavori Pubblici), Pierpaolo Marcuzzi (Urbanistica), Danilo Zomparelli (Bilancio) ed Emanuela Zappone (Ambiente), l’ingegner Corrado Costantino (dirigente Dipartimento Lavori Pubblici), il delegato della Soprintendenza ai Beni Culturali, Architettura e Paesaggio Francesco Di Mario con il collaboratore Massimo Vicari, l’ingegner Marco Iannozzi, del gruppo di progettazione, e il suo collaboratore Salvatore D’Ambrosi.

Per quanto concerne l’area archeologica del Teatro Romano, si è proceduto con un approfondimento della situazione dei lavori, che si articoleranno in due fasi: la prima riguarda la rimozione delle superfetazioni presenti nell’area della cavea e del proscenio, la seconda prevede il restauro funzionale dell’infrastruttura di epoca repubblicana. Tale operazione è finanziata dal Ministero per i Beni Culturali con un contributo di circa 2 milioni di euro. L’avvio dei lavori, a cura della Soprintendenza stessa, è previsto entro quest’estate.

L’area del Teatro Romano di Terracina

Quanto all’edificio della Chiesa del Purgatorio, il progetto illustrato oggi nelle sue caratteristiche tecniche prevede il consolidamento della struttura e la sua messa insicurezza secondo le più recenti normative antisismiche, con l’aggiunta del restauro del frontone. Anche questo progetto è finanziato dal Ministero per i Beni Culturali, per un importo di circa 800mila euro. I tempi per il bando di gara per l’aggiudicazione dei lavori dovrebbero essere, indicativamente, di un mese e mezzo.

“Il restauro e il recupero funzionale dell’area del Teatro Romano di Terracina costituisce il sogno più bello di tutta la nostra città, ma non solo: questo progetto impreziosisce l’offerta archeologico-monumentale dell’intera Nazione – ha dichiarato il primo cittadino Procaccini – Come Amministrazione Comunale abbiamo offerto la nostra piena e completa disponibilità ad agevolare il compito della Soprintendenza in quest’impresa difficile e ardita, ma allo stesso tempo affascinante. Le stesse operazioni di scavo e restauro rappresenteranno un’attrazione per tutti coloro che desidereranno vedere rinascere questa bellissima struttura di straordinario pregio con i loro stessi occhi”. Quanto ai lavori da effettuare nella Chiesa del Purgatorio, il sindaco ha proseguito affermando che “il consolidamento di questa struttura, un vero gioiello barocco che dà lustro al nostro Centro Storico, è una priorità. Inoltre, di grande importanza è la conferma del lavoro aggiuntivo che riguarda il restauro del frontone”.

“Voglio esprimere, a nome dell’Amministrazione Comunale di Terracina, i miei più sentiti ringraziamenti alla Soprintendenza ai Beni Culturali nella persona della dottoressa Paola Refice, nuovo Soprintendente, e del dottor Francesco Di Mario, per la grandissima professionalità e l’enorme impegno e passione profusi nella realizzazione di queste opere. Non vediamo l’ora di poter ammirare queste meravigliose infrastrutture nella loro completezza e in tutta la loro bellezza: sono due monumenti che significano davvero molto per la nostra città”, ha concluso il sindaco.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
.uffa { text-align: center; } .inner { display:inline-block; }