Quartieri da evacuare a causa della bomba, un aiuto da Gaeta

Quartieri da evacuare a causa della bomba, un aiuto da Gaeta

Ancora non sono trapelate informazioni precise sulle operazioni che porteranno all’evacuazione di oltre 15mila persone nel Comune di Formia a seguito del ritrovamento di un ordigno bellico della Seconda Guerra Mondiale. Un primo incontro tra amministrazione comunale Prefettura si è già tenuto ma in corso ci sono altri tavoli tecnici per cercare di trovare soluzioni che arrechino meno disagi possibili alla popolazione. Entro maggio comunque gli artificieri dovranno intervenire. Al momento un segnale è stato dato dal vicino Comune di Gaeta attraverso una nota del sindaco Mitrano che ha offerto sin da ora la propria collaborazione.

Il Sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano ha infatti inviato una nota alla Sindaca di Formia Paola Villa per manifestare la sua solidarietà e per sostenere moralmente e non solo la comunità formiana scossa dal ritrovamento di un ordigno bellico rinvenuto sul suo territorio comunale. Così Mitrano nella nota inoltrata alla sua collega: “Cara Paola, viviamo con apprensione e vicinanza istituzionale ma soprattutto umana, la questione inerente al ritrovamento di un ordigno bellico della Seconda Guerra Mondiale in località Rio Fresco a Formia. Indubbiamente, nella giornata in cui gli artificieri del Genio militare faranno brillare l’ordigno è prevista l’evacuazione di una consistente parte della popolazione residente che coinvolgerà anche numerose attività commerciali e, in maniera particolare, l’ospedale «Dono Svizzero».

Nello spirito di leale collaborazione, ci è gradito comunicarti che i cittadini formiani potranno contare sul contributo dell’Amministrazione comunale gaetana, finalizzato ad alleviare i disagi che dovranno affrontare nella giornata dell’evacuazione. Siamo disponibili a fornire supporto logistico anche attraverso il coinvolgimento dei nostri uomini della Protezione civile e ad adoperarci per qualsiasi altra misura a sostegno della popolazione. Poiché non saranno molti i cittadini coinvolti dall’evacuazione che potranno scegliere di organizzarsi in modo indipendente, sarà necessario pensare ad individuare molteplici punti di accoglienza. Al riguardo, al fine di contenere quanto più possibile i disagi, possiamo mettere a disposizione strutture sportive, palestre scolastiche ed altre tipologie di attività come i servizi mensa, trasporto, assistenza sanitaria e ogni intervento che possa essere utile ai cittadini. Per tale motivo in qualità di Sindaco e cittadino del Golfo rinnovo la massima collaborazione con azioni concrete e fattive. Alla collega ed amica Paola Villa, ai cittadini di Formia, ribadiamo che la solidarietà umana, soprattutto tra comunità vicine come le nostre, è un valore assoluto che va tutelato e preservato. La città di Formia può contare sul nostro sostegno”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social