Tentata estorsione al titolare di un negozio di griffe, condanna confermata

Tentata estorsione al titolare di un negozio di griffe, condanna confermata

Condanna confermata per il genero di Costantino Cha Cha Di Silvio, il 31enne Federico Esposito, accusato di aver cercato di continuare a compiere estorsioni ai danni di un negozio di abbigliamento griffato di Latina come faceva in precedenza il suocero.

La Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso del giovane, condannandolo anche a pagare le spese processuali e a versare duemila euro alla Cassa delle Ammende.

Esposito ha appunto tentato, il 4 novembre 2015, un’estorsione ai danni del titolare di un negozio di abbigliamento già finito nel mirino di Cha Cha, ha poi compiuto una rapina ai danni di una dipendente di un negozio di parrucchiere e il precedente 5 luglio ha compiuto un tentativo di estorsione ai danni di un bar, bruciando il gazebo del locale.

Vicende per cui Esposito è stato arrestato nel maggio 2016 e nel dicembre successivo condannato dal giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina, Giuseppe Cario, a quattro anni di reclusione.

Una sentenza quasi integralmente confermata in appello e ora avallata dalla Corte di Cassazione.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social