Class Action contro Acqualatina, si va avanti: parola del Tribunale di Roma

Class Action contro Acqualatina, si va avanti: parola del Tribunale di Roma

“La Class Action contro Acqualatina proseguirà” lo annunciano con una nota congiunta proprio il pool di avvocati del comitato, formato da Massimo Clemente, Vincenzo Fontanarosa, Christian Lombardi, Patrizia Menanno, Orazio Picano, Chiara Samperisi e Annamaria Zarrelli.

A decidere che il procedimento può andare avanti, come specificato nella nota “il Tribunale di Roma, con ordinanza del 7/3/2019, accogliendo le richieste dei legali degli utenti e rigettando quella della difesa del Gestore che avrebbe voluto la dichiarazione di estinzione del processo. Ancora una volta il Tribunale di Roma conferma un’altissima professionalità nel perseguire fini di giustizia. Sottolinea, infatti, che “non può essere escluso, allo stato, che in alternativa ad una dichiarazione d’inammissibilità del ricorso alla Suprema Corte, l’ordinanza n. 13388/2018 della Corte di Appello di Roma in accoglimento di tale ricorso possa essere annullata….”.

“Le censure mosse all’ordinanza della Corte D’Appello – proseguono – che voleva mettere la parola fine alla Class Action, stimolano infatti, la Suprema Corte ad un ripensamento per estendere l’orientamento già consolidato e, inoltre, sollevano una violazione di legge “certamente valutabile dalla Suprema Corte”. Indubbiamente la scesa in campo, al fianco dei più deboli del Prof. Avv. Romano Vaccarella – concludono gli avvocati – conferisce all’azione un quid pluris di qualità umane e giuridiche eccelse e, per usare le parole del Professore: “Andremo fino in fondo in questa vicenda”.Nel frattempo il Comitato Class action sta avviando numerose azioni individuali e collettive per i danni della crisi idrica del 2017 e per la pessima qualità dell’acqua erogata tuttora.”

You must be logged in to post a comment Login

h24Social