Ricerche degli alpinisti sul Nanga Parbat, la compagna di Ballard: “Non c’è più speranza”

Era da giorni in programma che un elicottero prelevasse la squadra di soccorritori dal campo base del K2, montagna del Karakorum distante duecento chilometri in linea d’aria, per effettuare una ricerca con dei droni d’alta quota: alla ricerca dei dispersi Daniele Nardi e Tom Ballard. Ma dopo vari ritardi e complicazioni non sono mai riusciti ad arrivare sul posto: questa mattina (ora italiana) è cominciato un nuovo tentativo per portare in elicottero gli alpinisti che dovranno cercare coi droni Nardi e Ballard al campo base del Nanga Parbat.

Tom Ballard e Daniele Nardi

Gli uomini guidati dall’alpinista basco Alex Txikon, proveranno a dare almeno una flebile speranza che possa permettere di trovare i due.


Speranza che ormai ha perso Stefania Pederiva, compagna di Tom Ballard. “Non ha più senso”, le sue parole dopo lo stop alle ricerche imposto dalla neve e dalla pessima visibilità. Secondo quanto raccontato dalla donna, lei e Ballard si sono sentiti l’ultima volta il 22 febbraio.

“Si annoiava al campo base. Era contento di andare – ha spiegato – Di solito non porta il telefono. Era calmo. Stava bene. Aveva perso peso a causa dell’altitudine. Con Nardi – ha aggiunto la donna – vedevano come andava giorno per giorno”.