Villa Storaro, confermato l’ordine di demolizione degli abusi edilizi

Villa Storaro, confermato l’ordine di demolizione degli abusi edilizi

Gli abusi edilizi realizzati nella villetta di Vittorio Storaro devono essere demoliti.

Il Consiglio di Stato ha respinto l’appello presentato dal premio Oscar e confermato così sia il diniego di condono che l’ordinanza di abbattimento emessi dal Comune di Sabaudia.

Il noto direttore della fotografia, che più volte ha sostenuto di trovare nella città delle dune la sua fonte di ispirazione e che ha ottenuto nel 2014 anche la cittadinanza onoraria, ha realizzato degli abusi nella sua bifamiliare con vista sul lago di Paola, in via Caterattino, ampliando e modificando l’immobile.

Il premio Oscar ha quindi chiesto la sanatoria, che gli è stata però negata dal Comune, essendo la zona dove si trova la villetta gravata da numerosi vincoli, da quello paesaggistico a quello del Parco Nazionale del Circeo, fino a quello sulla vicinanza al lago, ed essendo la stessa parte di una zona di protezione speciale.

Sempre il Comune ha poi ordinato l’abbattimento delle opere abusive.

Provvedimenti impugnati da Storaro, ma confermati nel 2012 dal Tar e ora dal Consiglio di Stato.

Nonostante il Comune di Sabaudia non si sia neppure costituito nel procedimento d’appello, i giudici di Palazzo Spada hanno infatti avallato il diniego al condono e l’ordine di demolizione, ritenendo l’appello infondato e sottolineando che “la disciplina del condono edilizio, per il suo carattere eccezionale e derogatorio, non è suscettibile di interpretazioni estensive”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social