Sanremo, Achille Lauro e il presunto plagio: parla il legale della band pontina – VIDEO

Sanremo, Achille Lauro e il presunto plagio: parla il legale della band pontina – VIDEO

Una canzone, mille polemiche. Ovvero il brano del (t)rapper Achille Lauro intitolato Rolls Royce, presentato al Festival di Sanremo 2019. Ha iniziato un colosso della scena rap italica, Frankie Hi-Nrg Mc, che su Twitter aveva parlato di una certa somiglianza con “1979”, brano di metà anni Novanta degli Smashing Pumpkins. Poi è stata la volta delle ombre sul vero significato del testo di Achille Lauro, per Striscia la notizia un inno alla droga, e nello specifico all’ecstasy. Un passaggio che, manco a dirlo, ha visto irrompere anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Infine sono entrati in scena gli Enter, band pontina che contro Achille Lauro ha adito le vie legali, chiedendo addirittura la sospensione del Festival della canzone italiana. “Galeotto”, in questo caso, un riff di chitarra. Ed ecco quindi gli Enter ed il loro avvocato risalire la penisola, e presentarsi a Sanremo carte alla mano per far sentire la propria voce in merito al presunto caso di plagio.

Direttamente dal Festival, le parole rilasciate dal legale del gruppo pontino, il casertano Biagio Narciso, ad h24notizie:

Di seguito, l’intervista rilasciata dal legale a Radio Show Italia 103.5

A PAGINA 2 – IL BRANO DEGLI ENTER E QUELLO DI ACHILLE LAURO A CONFRONTO

Pagina: 1 2

Comments are closed.

h24Social