“Una cartella piena di fogli”, il romanzo di Petruccelli vince il premio Emily Dickinson

“Una cartella piena di fogli”, il romanzo di Petruccelli vince il premio Emily Dickinson

Con la nuova edizione del romanzo “Una cartella piena di fogli” (Editori Riuniti, 2017) lo scrittore Alessandro Petruccelli, sancosimese di nascita e formiano di adozione, si è aggiudicato il primo premio Emily Dickinson per la narrativa. La premiazione è avvenuta a Napoli il 31 gennaio 2019 nella sala consiliare della Quinta Municipalità (Vomero).

L’autore, si legge nella motivazione, affronta una verità inalienabile: la sofferenza individuale. E’ essa infatti che genera scontento ed è parte integrante della vita di ognuno di noi e va accettata,perché se è vero che è una costante,attraverso barlumi di tenera umanità inattesi suscita la speranza,che si trasforma in certezza di luce. Vivere significa non smettere di sognare.

Il libro, già vincitore di altri primi premi (Premio di cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Premio “Città di Avellino”, Premio “Città di Leonforte”, Premio “Città di Pomigliano d’Arco”, Premio “Città del Tricolore”) è stato definito “Spoon River dei viventi”, “Commedia umana”, “Romanzo del censimento”. «Riguardo a quest’ultima definizione – sottolinea l’autore – resterà un documento unico, perché, stando alla dichiarazione dell’Istat di alcuni mesi fa, il censimento vecchia maniera non si farà più».

You must be logged in to post a comment Login

h24Social