Formia, l’Antimafia in Comune. Occhi sugli appalti dell’ex amministrazione

Formia, l’Antimafia in Comune. Occhi sugli appalti dell’ex amministrazione

Visita tutt’altro che di cortesia, nella prima mattinata di oggi, negli uffici del Comune di Formia: si è palesata l’Antimafia.

Gli investigatori della Dia di Roma, spediti in Municipio a caccia di carteggi dietro coordinamento della Procura di Cassino. Occhi puntati su alcuni appalti dell’ultima amministrazione guidata dal sindaco Sandro Bartolomeo. Un lavoro protrattosi per ore. Gli inattesi ospiti – un gruppo interforze composto da carabinieri, poliziotti e finanzieri – hanno fatto capolino alle 10, per salutare intorno alle 15.30.

Particolare attenzione è stata riservata a della documentazione relativa a tre ben distinti filoni. Atti che vanno dal 2015 al 2017. Il primo è quello che riguarda l’appalto per la realizzazione di nuovi impianti di pubblica illuminazione dell’estate 2015, vinto dalla ditta di Casapesenna Garofalo Costruzioni srl. Si è poi passati agli atti tra il Comune e la società Prometeo srl, società con base a Fondi. Nello specifico, sotto la lente d’ingrandimento è finita la gara per un servizio di formazione e assistenza tecnica. In ultimo, nell’inchiesta dell’antimafia è spuntata la convenzione fra la Regione Lazio, l’Anas e l’ente locale per la realizzazione del tratto di Pedemontana nel territorio di Formia.

Faldoni acquisiti in toto, con l’attuale amministrazione civica che per facilitare il lavoro di ricerca e acquisizione su delega del sindaco Paola Villa ha messo a disposizione degli operanti un intero ufficio, oltre che parte dello staff municipale.

 

 

 

Comments are closed.

h24Social
[ff id="2"]