Cisterna non è una città per musicisti: la fotografia democrat

Cisterna non è una città per musicisti: la fotografia democrat

Luca Stoppa, candidato alle ultime amministrative ed esponente del Partito Democratico di Cisterna di Latina, ha intervistato giovani artisti locali facendo il punto sulla situazione generale della musica e degli eventi in città. Riportando alla luce la proposta della “Sala della Musica”, targata Giovani Democratici e per cui sono già stati stanziati ben 26 mila euro. «Fermi ad ammuffire», però.

«’Manca tutto a Cisterna, non esistono locali in cui fare musica, non si riescono a creare eventi a tema musicale’. Questo è lo sfogo di un giovane musicista locale recentemente da me ascoltato, dice Stoppa. Dopo essermi confrontato con alcune piccole realtà musicali locali ribadisco l’importanza della creazione di una struttura come la Sala della Musica. Si tratta di un impianto importante che serve alla città, purtroppo le giovani realtà locali molto spesso sono costrette a suonare in luoghi improvvisati, e in molti casi senza l’attrezzatura adatta, cosa che demotiva queste giovani realtà.

Luca Stoppa

Quello della Sala della Musica è un progetto proposto dai Giovani Democratici già dal 2014, e portato in consiglio comunale tramite l’allora consigliere comunale, ed esponente del Partito Democratico, Elisa Giorgi, nel quale si chiedeva la realizzazione di quest’opera necessaria per la comunità giovanile cisternese. L’allora sindaco di Cisterna, Eleonora Della Penna, accolse la proposta che fu messa nel ‘piano locale giovani’, e fu trovata anche una struttura pronta ad accoglierla, il Centro Polivalente che sorge nel Quartiere San Valentino. La mai ottenuta agibilità della struttura ha messo un freno alla realizzazione dell’opera, nonostante siano stati erogati, al comune, finanziamenti regionali e provinciali, per una cifra pari a 26mila euro, per la realizzazione della Sala musicale.

Cambia l’amministrazione ma la Sala ancora non riesce a vedere la luce, anzi la recente assegnazione del Centro Polivalente all’associazione Pro Loco, mette ancora più dubbi sulla sua realizzazione. I soldi sono stati presi ma della Sala ancora non si sa nulla, l’attuale sindaco Carturan preferisce assegnare il centro alla Pro Loco, senza dirci come utilizzerà la struttura, e senza dare risposte certe ai giovani di Cisterna. Se un Sindaco tiene alla propria Città deve rispondere in primo luogo alle necessità dei cittadini e alle necessità dei giovani, ma invece sembra fregarsene palesemente.

Un altro tema sollevato dai giovani musicisti, che ho avuto occasione di ascoltare, è la mancanza di organizzatori capaci, e come sappiamo, la maggior parte degli eventi nella nostra città sono organizzati proprio dalla Pro Loco, e questo è un altro campanello di allarme poiché mettiamo il futuro dei nostri giovani in mano a persone ritenute inadeguate.

Sarà la Pro Loco ad occuparsi della Sala della Musica? La stessa Pro Loco che i musicisti intervistati ritengono inefficiente e incompetente in materia? Vogliamo ricordare l’ultima figuraccia nel recente Sing Street?

Il sindaco deve dare risposte chiare ai cittadini e ai giovani locali, perché la situazione a Cisterna non è grave, ma critica, e se non si interviene subito rischiamo di far morire la vitalità della nostra Città! La risposta è dovuta anche in merito a dei Fondi Regionali e Provinciali già stanziati per questo preciso progetto, altrimenti si sbrighi a resistuirli, qualcun altro saprà cosa farci».

A PAGINA 2 – LE INTERVISTE DI STOPPA: IL PUNTO

Pagina: 1 2

Comments are closed.

h24Social