Lungomare “a pezzi”, situazione sempre più difficile

Lungomare “a pezzi”, situazione sempre più difficile

Il camminamento in legno che costeggia un tratto di lungomare, da subito dopo Ponte Giovanni XXIII agli scogli è messo sempre peggio. Anzi in alcuni punti è letteralmente disintegrata. Un’altra segnalazione si è aggiunta ieri per evidenziare lo stato di pericolosità di quel tratto di lungomare che in teoria dovrebbe essere percorso a piedi più facilmente. Ed invece è un rischioso percorso ad ostacoli, insomma, meglio camminare in strada. La segnalazione, come anticipato, è quella dei volontari Anc coordinati dal maresciallo Cestra che hanno riscontrato anche un cedimento in prossimità della canaletta di scolo sul canale Caterattino all’altezza degli scogli.

Il maltempo ha quindi contribuito a peggiorare una situazione già critica che va avanti da molti mesi, basti pensare che in piena stagione estiva il camminamento in legno era stato chiuso con un provvedimento del Comune. Ma fino ad oggi mai sistemato ed ovviamente delimitare il passaggio con un cartello formato A4 e del nastro bianco e rosso non è stato sufficiente. Le tavole sono sconnesse, molti i chiodi in vista, schegge ovunque ed a questo si aggiungono cedimenti lato duna anche sul versante Torre Paola. E quando inizieranno le mareggiate l’emergenza si farà sentire ancora di più.

Comments are closed.

h24Social