Estorsione, due giovani campani di stanza a Minturno in carcere

Estorsione, due giovani campani di stanza a Minturno in carcere

Due giovani campani di stanza a Minturno sono finiti in carcere, raggiunti da altrettante ordinanze volte all’espiazione di una pena detentiva per il reato di estorsione aggravata.

I provvedimenti sono stati notificati agli interessati venerdì, per mano dei carabinieri della Stazione locale. Il primo a finire in arresto è stato un 20enne residente a Napoli ma domiciliato a Minturno, già sottoposto ai domiciliari: è stato colpito da un’ordine di carcerazione emesso dalla Procura generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Napoli, legato a un reato commesso a capoluogo campano nel luglio del 2016. Associato alla casa circondariale di Cassino, dovrà ancora espiare tre anni, un mese e 19 giorni di reclusione.

L’altro arrestato è un 22enne, anche lui domiciliato a Minturno ma originario della provincia di Caserta. Nel suo caso, il reato di estorsione aggravata è stato commesso a Macerata Campania, a luglio e agosto 2015. Raggiunto dall’ordinanza, emessa come per il 20enne dalla Corte d’Appello partenopea, mentre si trovava ai domiciliari, dovrà ancora scontare quattro anni, mesi mesi e due giorni. Su disposizione dell’autorità giudiziaria, pure il 22enne è stato ristretto nel carcere di Cassino.

Comments are closed.

h24Social