Spaccio di droga a Formia, la decisione del gip sui tre arrestati

Spaccio di droga a Formia, la decisione del gip sui tre arrestati

Convalidati dal gip del Tribunale di Cassino, Gabriele Montefusco, gli arresti dei tre formiani bloccati nel fine settimana dalla Polizia e accusati di spaccio di droga. Una decisione presa dal giudice al termine degli interrogatori.

Il gip ha poi disposto gli arresti domiciliari per Gianfranco Simeone, di 49 anni, e l’obbligo di firma tutti i giorni in commissariato per Sandro Perrin, di 29 anni, mentre ha rimesso in libertà il 53enne Mario Rischio.

Gli investigatori hanno sorpreso Simeone, difeso dall’avvocato Pasquale Di Gabriele, a vendere in cambio di 200 euro 106 grammi di marijuana a Perrin e Rischio.

A casa dello stesso Simeone hanno poi trovato, in due bustine di cellophane, alcuni grammi di marijuana e cocaina, indosso al 49enne hashish e marijuana, e sempre nella casa una pianta di marijuana alta tre metri, tre bilancini di precisione e diverse bustine utili a confezionale le singole dosi di droga, oltre a 1.800 euro in contanti considerati provento dell’attività di spaccio.

Sempre gli uomini del commissariato hanno inoltre appurato che a contattare Simeone per acquistare droga e a nascondersela poi addosso era stato Perrin, difeso dall’avvocato Giovanni Stefanelli, mentre era rimasto più defilato Rischio, difeso dall’avvocato Gianni Bove.

Da lì la decisione del gip di adottare misure diverse per Simeone e Perrin e di liberare Rischio.

Comments are closed.

h24Social