Corruzione e tentata turbativa d’asta, Subiaco e gli altri negano

Corruzione e tentata turbativa d’asta, Subiaco e gli altri negano

Hanno negato tutte le accuse i principali indagati nell’inchiesta “Telonai”, accusati di aver cercato di pilotare l’affidamento del servizio di riscossione tributi da parte del Comune di Pontinia in cambio di posti di lavoro.

A rivendicare la correttezza del loro operato, nell’interrogatorio davanti al gip Giuseppe Cario, sono stati l’assessore comunale Luigi Subiaco, l’avvocato Raffaele Scirè e il commercialista Gianfranco Castellano, difesi dagli avvocati Amleto Coronella, Lucio Teson e Giuseppe Fevola.

I tre si trovano ai domiciliari.

Comments are closed.

h24Social