‘Fata bonifica’: una fiaba per conoscere la storia e tutelare l’ambiente pontino

‘Fata bonifica’: una fiaba per conoscere la storia e tutelare l’ambiente pontino

“A volte occorre avere gli occhi incantati e lo spirito pronto a sorprendersi come un bambino per apprezzare la magia del proprio territorio e imparare ad amarlo e rispettarlo. E’ forse questa la lezione più importante che “Fata Bonifica” vuole lasciare al termine della lettura di un bellissimo libro illustrato, terzo volume edito dall’editrice Sintagma diretta da Mauro Nasi.

Nata dall’idea di Barbara Mirarchi, autrice della fiaba, e illustrata da Francesca Cocco, “Fata Bonifica” si presenterà per la prima volta al pubblico Martedì 25 settembre alle ore 17:30 nei Giardini del Consorzio di Bonifica dell’Agro Pontino, in Corso Matteotti 101, a Latina.

La manifestazione sarà coordinata dalla giornalista Raffaella Cesaroni di SkyTg24 e vedrà la partecipazione, oltre al team che ha realizzato il libro, dei bambini della IIIB Scuola Primaria Montiani dell’I.C.Alessandro Volta di Latina e di Musicantiere dell’Associazione Domus Mea.

La fiaba racconta di una fata dal cuore a forma di fiore che una potente strega malvagia, con un incantesimo, imprigionò sotto la terra pontina. Sopra, terribili paludi e foreste infestate dalla micidiale zanzara portatrice di malaria.

Un giorno quattro bambini intenti a giocare sentono un pianto provenire da sotto i loro piedi. Cominciano a scavare e liberano Fata Bonifica. In segno di gratitudine, Bonifica, con l’aiuto delle sorelle Malia, dal dono di parlare agli animali, e Agricola, dal dono della coltivazione delle piante, decide di aiutare gli abitanti liberandoli dalla palude. Ma senza l’uso della magia, bensì insegnando loro le tecniche per costruire canali, strade e città: sarebbero stati così consapevoli e orgogliosi del risultato ottenuto conservandolo a lungo. Le insidie dell’incantesimo, però, non sono finite e Fata Bonifica dovrà affrontare un viaggio magico per salvare la piccola Chiara colpita dalla terribile malaria.

Il libro è “Dyslexia Friendly” quindi adatto a tutti i bambini, anche quelli affetti da dislessia, grazie all’uso del font “EasyReading” certificato con l’Alta Leggibilità.

Comments are closed.

h24Social