Calci e pugni alla compagna, finita in ospedale con la figlioletta: in manette

Calci e pugni alla compagna, finita in ospedale con la figlioletta: in manette

Nella serata del 20 settembre personale della Squadra Volante di Latina, diretto dal vicequestore aggiunto Celestino Frezza, è intervenuto in via Epicuro 47 dopo la segnalazione di un’accesa discussione in famiglia. Raggiunto il luogo segnalato, gli agenti hanno accertato che il cittadino congolese Massamba Louhemba Gedon Harmony Royal, di 25 anni, stava avendo una violenta lite con la convivente, una donna di 44 anni.

Nella circostanza, la donna teneva in braccio la loro figlioletta di 3 anni, tra l’altro affetta da patologie neuropsichiatriche di tipo cognitivo, e tentava di proteggere la piccola dall’ira del padre, che tuttavia incurante delle grida di paura e del pianto della piccola continuava a colpire la donna con calci e pugni al basso ventre. “Solo grazie all’intervento del personale della Volante, tale azione veniva bloccata”, spiegano dalla polizia. “La donna e la piccola venivano trasportate presso il pronto soccorso ad opera del personale medico e paramedico, frattanto intervenuto, ove la madre veniva refertata con 15 giorni di prognosi, mentre la piccola veniva ricoverata presso il reparto di pediatria”.

Alla luce di quanto accaduto, confermato anche da alcuni condomini richiamati dalle grida e richieste di aiuto da parte della donna, al fine di evitare la reiterazione di analoghi atti posti in essere dal 25enne straniero, che già in passato si era dimostrato persona violenta nei confronti della compagna, con atteggiamenti simili tuttavia non denunciati a causa delle continue minacce, sono scattate le manette. L’uomo è stato accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni, reati aggravati dalla presenza di minori, e tradotto presso la casa circondariale di Latina, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]