Trovato morto su una panchina: trasferta tragica per un uomo di Napoli

Trovato morto su una panchina: trasferta tragica per un uomo di Napoli

Era arrivato a Terracina dalla natia Napoli dopo essersi messo al volante della sua utilitaria. Una trasferta fatta tante volte, ma nell’occasione terminata bruscamente. Con risvolti tragici: è morto su una panchina dell’ex stazione ferroviaria, stroncato da un malore fulminante.

Questa, la triste fine di un 52enne partenopeo, venuto a mancare nel pomeriggio di mercoledì. Lo ha notato un passante intorno alle 18.30. Una figura corpulenta che pareva come adagiata, senza però dare segni di vita. Ecco dunque l’allarme e, poco dopo, l’arrivo dei sanitari del 118, che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Nessun giallo: fatale un arresto cardiocircolatorio, con tutta probabilità cagionato da un infarto.

Nell’immediatezza – sul posto anche i carabinieri della Compagnia locale – si era pensato che a morire in solitaria fosse stato un senza fissa dimora. Non è servito molto per rendersi conto che così non era. Anzi, l’uomo apparteneva a una famiglia della Napoli bene, nota e stimata. Senza contare che in tasca aveva 3mila euro in contanti.

La salma del 52enne, in un primo momento trasferita presso la camera mortuaria del cimitero terracinese dalle onoranze funebri Di Crescenzo, è stata a stretto giro restituita ai familiari per la traslazione nel capoluogo campano per le esequie.

Comments are closed.

h24Social