Latina, Simeone (FI): “Coletta riporti servizi in centro”

Latina, Simeone (FI): “Coletta riporti servizi in centro”

“Il centro storico di Latina rischia di diventare un museo delle cere. La scelta, scellerata, assunta dal sindaco di Latina Damiano Coletta, è quella di chiudere l’ufficio anagrafe di Corso della Repubblica a Latina e di spostarlo in via Ezio.” Lo dichiara in una nota il presidente della commissione regionale sanità, Giuseppe Simeone

“Si tratta dell’ultima decisione, in ordine di tempo, che contribuirà ad impoverire il già desolato cuore della città capoluogo. Coletta doveva essere l’uomo della rivoluzione, dell’attenzione verso i cittadini, di quello sviluppo mancato su cui ha condotto una intera campagna elettorale. Ma alle parole devono seguire i fatti, gli stessi che guardando come è ridotta la città tra spazzatura e topi, servizi ridotti all’osso, non trovano collocazione nell’azione di una amministrazione invisibile.”

“La scelta di chiudere il centro storico di Latina non è stata di Coletta. Ma preso atto del vuoto che si era creato è a Coletta, oggi sindaco, che spettava il dovere di rivedere tale scelta e non di peggiorarla. La decisione di spostare gli uffici comunali, e quindi i servizi ai cittadini, che erano l’unico elemento attrattivo che potesse portare un po’ di vita in quello che è diventato uno spazio desolato, quasi l’ombra di se stesso, va nella direzione opposta a quella della creazione di una città a misura dei cittadini e che nel centro trova il motore propulsore del suo sviluppo. Le scelte dovrebbero attuarsi prendendo in considerazione la realtà. Ma il sindaco Coletta da oltre due anni sembra essere il sindaco di una città che esiste solo nella sua mente.”

“E non basta certo pavimentare il centro storico per renderlo attrattivo per i cittadini. Ci auguriamo che Coletta si ravveda, ed anzi, speriamo che non riporti solo l’anagrafe negli uffici del Comune in centro ma anche gli altri uffici comunali e si attivi per ricollocare in questo spazio urbano anche altre funzioni nonché la riattivazione di quei servizi che oggi sono chiusi o negati per oggettiva incapacità amministrativa, a partire dal teatro comunale. Coletta si illude di gettare fumo negli occhi dei cittadini con dichiarazioni di sbandierata onestà che celano oggettiva incapacità e immobilismo amministrativo inaccettabili”.

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social