Scogliera “presidiata” e parte anche l’esposto in Procura

Scogliera “presidiata” e parte anche l’esposto in Procura

Si sono riuniti direttamente sul mare, un presidio pacifico a pochi centimetri da dove si infrangono le onde. Gli attivisti del Movimento Cinque Stelle di San Felice Circeo per la seconda volta si sono dati appuntamento a Quarto Caldo in località le Casette per segnalare la presenza di alcune opere realizzate sulla scogliera dove ieri c’erano anche dei lettini. Anche la polizia locale ha effettuato un sopralluogo quindi, sulla vicenda sono in corso degli accertamenti. Comunque gli attivisti del Movimento Cinque Stelle hanno inoltrato anche un esposto in Procura.

LITORALI CHIUSI A CHIAVE E’ il problema del mare chiuso a chiave ben noto alla provincia di Latina ed in Comuni limitrofi come quello di Sabaudia dove da anni il dibattito si infiamma intorno agli accessi chiusi per via delle ville lato Torre Paola. In un certo senso quello che accade anche nel tratto subito dopo Punta Rossa dove in prossimità della strada, pubblica, si può notare bene un cartello di divieto di accesso fatta eccezione che per i residenti. Spesso, l’ingresso è anche “sorvegliato” da una persona munita del cartellino di un consorzio che ferma le macchine. Si può fare? Evidentemente sì. Comunque resta il fatto che una delle strade panoramiche e più belle del litorale pontino è fruibile solo fino ad un certo punto. Viene da chiedersi il perché.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social