Testuggini acquatiche del genere ‘Trachemys’: obbligo di denunciarne il possesso

La denuncia dovrà essere presentata, in maniera totalmente gratuita, entro e non oltre il 14 agosto 2018 compilando l'apposito modulo pdf

Testuggini acquatiche del genere ‘Trachemys’: obbligo di denunciarne il possesso

Il Parco Regionale ‘Riviera di Ulisse’, tramite la propria pagina Facebook, ha reso noto che, secondo quanto disposto dai vigenti regolamenti in materia di animali esotici, i possessori di testuggini acquatiche facenti parte del genere Trachemys sono obbligati a regolarizzare la propria posizione, denunciandone il possesso.

Di seguito il testo integrale del post pubblicato dal Parco.

Il 14 febbraio 2018 è entrato in vigore il Decreto Legislativo n. 230 del 15 Dicembre 2017 che adegua la normativa italiana al Regolamento UE 1143/2014 sull’introduzione e la diffusione di specie esotiche invasive.

Le specie esotiche invasive sono piante, animali e altri organismi introdotti dall’uomo, volontariamente o accidentalmente, al di fuori della loro area di origine e costituiscono una delle principali minacce alla biodiversità, con gravi ripercussioni sugli ecosistemi naturali ed ingenti danni economici.

Trachemys Scripta Scripta

Il D.lgs 230/2017 ha stabilito l’obbligo, per chiunque detenga uno o più esemplari inclusi negli elenchi delle specie esotiche invasive di rilevanza unionale o nazionale, di farne denuncia al Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare entro i termini previsti dall’articolo 26 del suddetto Decreto.

Considerato che risulta molto diffusa la detenzione, da parte di privati cittadini, di esemplari di testuggini acquatiche facenti parte del genere Trachemys e considerato che le stesse sono incluse nell’elenco delle specie esotiche invasive, l’Ente Parco invita tutti i possessori di testuggini palustri, in particolare Trachemys Scripta Scripta, Trachemys Scripta Elegans (meglio conosciute come tartarughe dalle orecchie gialle/rosse) e della meno nota Trachemys Scripta Troosti a voler regolarizzare la posizione di tali esemplari denunciandone il possesso.

La denuncia dovrà essere presentata entro 180 giorni dall’entrata in vigore del D.lgs 230/2017 ovvero entro e non oltre il 14 agosto 2018 compilando l’apposito modulo pdf che dovrà essere inviato al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare secondo le modalità indicate sul modulo stesso.

Si ricorda che per la denuncia del possesso di esemplari di Trachemis non è previsto il pagamento di alcun costo restando, la stessa, totalmente gratuita.

Per quanti avessero necessità di chiarimenti o di supporto per la compilazione della denuncia il personale del Servizio Naturalistico e Sviluppo Sostenibile del Parco Riviera di Ulisse sarà a disposizione per fornire la propria consulenza (tel. 0771 743070 – parcorivieradiulisse@regione.lazio.it).

Scarica il modulo per la denuncia cliccando il link seguente:

http://www.parchilazio.it/documenti/documenti/00_denuncia_possesso_pets.pdf

You must be logged in to post a comment Login

h24Social