Siccità, perdite idriche e lavori di risanamento a Formia: il quadro di Acqualatina

Siccità, perdite idriche e lavori di risanamento a Formia: il quadro di Acqualatina

Da Acqualatina forniscono le risultanze dell’incontro tenutosi martedì scorso con il Commissario Straordinario, Maurizio Valiante.

“I rappresentanti di Acqualatina hanno confermato come ad oggi i dati pluviometrici e lo stato delle fonti siano confortanti e facciano prevedere una situazione tornata alla normalità per quanto riguarda il Sud pontino.

In aggiunta, ha ribadito la rappresentanza del gestore, un eventuale nuovo fenomeno di siccità, ad oggi non previsto e ritenuto improbabile, avrebbe effetti pressoché inesistenti grazie al recupero di disponibilità idrica ottenuto grazie ai lavori di recupero delle perdite di rete e alle nuove fonti di approvvigionamento.

Sul fronte dei lavori di ricerca perdite e risanamento delle reti idriche comunali, gli interventi sono stati già conclusi su Via della Conca e Via Appia lato Napoli, con un recupero di oltre 315mila metri cubi di acqua all’anno (circa 10 litri al secondo).

Attualmente sono in corso lavori su via Pientime e via Balzorile, con la sostituzione di circa 4 chilometri di condotte obsolete e soggette a frequenti problematiche. Il recupero previsto da questi interventi è pari a oltre 130mila metri cubi di acqua all’anno (circa 4 litri al secondo).

A partire da settembre, poi, verranno avviati ulteriori interventi che richiederanno circa 12 mesi di lavoro, salvo imprevisti, sull’area di via Emanuele Filiberto-via Abate Tosti, sull’area di via Palazzo e traverse, sull’area di via Vitruvio-via Rubino e sull’area di Trivio, Maranola e via Rotabile.

Per quanto riguarda, poi, il campo pozzi nell’area ’25 ponti’, sono terminate le opere di perforazione del secondo pozzo e sono in corso le attività propedeutiche all’attivazione vera e propria del pozzo.

Immediatamente a ridosso di ciò, verranno avviati i lavori di perforazione del terzo pozzo; ciascun pozzo avrà una portata stimata di circa 50 litri al secondo, pari a circa 1,6 milioni di metri cubi annui. Questi pozzi costituiscono una riserva di disponibilità da utilizzare in caso di necessità.

Aggiornamenti anche per quanto riguarda il collegamento della rete idrica di Minturno con quella di Cellole, in Campania, che permetterà, a tutto il Sud pontino, di usufruire di circa ulteriori 160 litri al secondo, pari a oltre 5 milioni di metri cubi di acqua annui.

Sono stati ultimati i lavori di bonifica bellica e attualmente sono in corso i primi lavori propedeutici alla posa in opera della nuova condotta. Attualmente si attende il nulla osta da parte del Genio Militare, al fine di procedere ai lavori.

In conclusione della riunione, i rappresentanti del gestore hanno aggiornato il Commissario circa la ricerca perdite in atto presso il serbatoio Sant’Antonio.

Acqualatina ha dato il via a nuovi interventi dalla forte connotazione tecnologica: la ricerca di perdite sotterranee nell’area attigua al serbatoio, grazie all’ausilio di un drone con termocamera.

L’ispezione con drone ha sostituito l’iniziale progetto di ispezione con elicottero poiché, grazie alle sue ridotte dimensione e alla maggior manovrabilità, il drone consentirà di esaminare non solo il terreno circostante il serbatoio, ma anche il serbatoio stesso, al fine di individuare ogni possibile perdita, anche interna. Grazie a questa attività, sono state individuate delle aree da ispezionare nei prossimi giorni”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social