“Ecco lo stupratore”. Ma non è vero: gogna social per un disagiato psichico

Fake news ed allarmismo travolgono uno straniero con problemi mentali. Che a breve potrebbe essere allontanato

“Ecco lo stupratore”. Ma non è vero: gogna social per un disagiato psichico

Al di là di allarmismo e isteria, quindi, non c’è niente. O almeno non ci sono stupri e molestie sessuali. Zero riscontri. La realtà certificata dalle forze dell’ordine è un altra. L’uomo in questione, tra i vari, negli ultimi tempi si è reso protagonista di due episodi, entrambi nei pressi del Monte dei Paschi di Siena: una donna ha riferito di essere stata in sostanza urtata (ed è questo l’episodio a cui hanno fatto riferimento le pagine che parlavano del tentato stupro), un’altra di sentirsi seguita. Le interessate, impaurite, hanno chiesto l’intervento della polizia, con gli agenti del Commissariato che dopo aver ricostruito i fatti non hanno provveduto ad alcuna denuncia. Nessun reato accertato.

Unica cosa vera, allo stato degli atti, la fuga di “Omar” nel centro islamico, avvenuta in concomitanza con il secondo episodio, risalente a mercoledì: gli uomini del neo-dirigente Franco Pellegrino erano intenti a controllargli documenti, lui ha tentato di dileguarsi rifugiandosi nel luogo di culto. Per degli accertamenti di rito comunque effettuati poco dopo proprio in via Volta, grazie alla pronta collaborazione dei fedeli della comunità raccolta attorno alla figura dell’imam Othman Naser, subito sopraggiunto sul posto, dove intanto si erano portati pure i carabinieri. All’atto della richiesta delle generalità l’algerino ha rifiutato, ed ha a quanto pare strappato il permesso di soggiorno. Alla fine, identificato, in considerazione dei suoi precedenti psichiatrici si è chiesto l’intervento del 118 per valutare l’eventualità di un Trattamento sanitario obbligatorio. Non ritenuto opportuno dal medico di turno, peraltro.

A PAGINA 4 – INNOCENTE. MA UNA MINA VAGANTE

A PAGINA 5 – DAL SOGNO ALLA FOLLIA. L’IMAM: “DEVE ESSERE CURATO”

Pagina: 1 2 3 4 5

You must be logged in to post a comment Login

h24Social