Latina, sequestrati oltre 700 chili di insaccati mal conservati

Latina, sequestrati oltre 700 chili di insaccati mal conservati

Nei giorni scorsi i carabinieri del Nas di Latina, nell’ambito delle consuete attività sul fronte della sicurezza alimentare, hanno sottoposto a sequestro oltre 700 chilogrammi di insaccati di vario genere (salami, spalle cotte, prosciutti cotti e crudi di parma, mortadelle e bresaole) rinvenuti nel corso di un’ approfondita ispezione condotta in un centro di sezionamento carni e preparazioni gastronomiche a base di carni posto nel territorio del capoluogo.

“I militari dell’Arma trovavano i predetti alimenti, destinati quali ingredienti nella preparazione delle pietanze gastronomiche pronte da cuocere, conservati in una cella frigorifera che da qualche giorno risultava essere non funzionante per guasto agli impianti refrigeranti”, spiegano dal Comando provinciale. “In sostanza i salumi erano tenuti ad una temperatura notevolmente superiore a quella imposta per la corretta conservazione, finalizzata ad evitare la proliferazione della flora batterica ed il potenziale pericolo per la salute pubblica, e per questo sono stati sottoposti a sequestro in attesa di essere destinati alla distruzione. Il controllo all’attività produttiva evidenziava inoltre gravi carenze strutturali ed igienico-sanitarie dei laboratori di gastronomia e di lavorazione e sezionamento carni che comportava (da parte del personale medico veterinario ispettivo dell’Asl Latina, fatto intervenire sul posto) l’emanazione di un provvedimento di sospensione immediata di tutta l’attività produttiva, fino all’eliminazione degli inconvenienti igienici rilevati”.

Il valore della struttura chiusa è stimato in circa 450mila euro, mentre il valore degli alimenti sequestrati mal conservati ammonta ad oltre 10mila euro. “Inoltre per gli illeciti rilevati il responsabile dell’attività sarà altresì sanzionato con oltre 3mila euro di contravvenzioni”, aggiungono dal’Arma.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social