Fondi: donna incinta aggredita da due ladre, si indaga

Fondi: donna incinta aggredita da due ladre, si indaga

I carabinieri di Fondi indagano su un furto in appartamento sfumato, ma andato a trasformarsi in un’aggressione con minacce ad una donna incinta. Una 29enne all’ottavo mese di gravidanza, che ha denunciato di essere stata messa momentaneamente ko da due ladre sorprese in casa: oltre a spintonarla e a picchiarla con un mestolo, le avrebbero anche puntato contro un coltello.

Un episodio registratosi intorno alle 12,30 di martedì – giornata in cui si sono contati almeno altri tre furti – secondo il racconto della donna, in un appartamento di via Campagna, una delle traverse di via Madonna delle Grazie. Era appena tornata a casa, quando, neanche il tempo di togliersi il giubbotto, si è imbattuta nelle due sconosciute, all’apparenza tra i 20 e i 30 anni di età. Si sono allontanate a mani vuote, stando alla denuncia. Prima però si sarebbero scagliate sulla 29enne col pancione, minacciandola anche di morte. Grida, poi una precipitosa fuga verso via Stazione, senza lasciare ulteriori testimoni.

Circostanze denunciate mercoledì ai carabinieri della Tenenza locale, comunque già allertati il giorno precedente. Giorno in cui la donna si è recata anche al pronto soccorso del San Giovanni di Dio, uscendone poco dopo con una prognosi di un paio di giorni: in buone condizioni sia lei che il nascituro.

Mentre dall’Arma, pur in assenza di altre testimonianze o elementi utili, indagano, il marito della 29enne si sfoga. Bersagliati dai malviventi, negli ultimi mesi. La moglie ad ottobre aveva denunciato di essere stata scippata in via Madonna delle Grazie da due uomini in scooter. Dopo qualche giorno, una denuncia per un furto al piano superiore, in casa della madre: “Sono entrati nel lato camere mentre mia suocera, mia moglie e una cugina erano in cucina, portando via 500 euro”, ha spiegato il marito. Che ha poi parlato di un altro episodio: “A dicembre hanno visitato il mio appartamento entrando dalla finestra della camera, distruggendomi casa e rubando due catenine, ricordi di famiglia, e altri 500 euro”. Fino ad arrivare al colpo sfociato in aggressione denunciato dalla consorte nei giorni scorsi: “Siamo esasperati”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]