Parco Nazionale del Circeo: bilancio, problemi e progetti per il 2018

Parco Nazionale del Circeo: bilancio, problemi e progetti per il 2018

Tempo di bilancio e di bilanci per il Parco Nazionale del Circeo. L’Ente ha approvato il documento contabile di previsione per il 2018 e fatto il punto con l’occasione sulle attività svolte e quelle da svolgere. Un documento in cui viene di nuovo evidenziato come il maggior problema della struttura sia quello della carenza di personale, individuato come causa dell’impossibilità di sfruttare tutte le risorse finanziarie disponibili e di progettare opere pubbliche. Con l’inizio del nuovo anno è stata inoltre stipulata una nuova convenzione con i Carabinieri forestali, come avveniva in passato con il Corpo forestale dello Stato, e resta il paradosso di un ente controllato dallo Stato che finanzia personale addetto alla vigilanza, dunque che paga le attività che rientrano tra i compiti propri dei carabinieri forestali.

Per il 2017 l’Ente Parco Nazionale del Circeo ha stimato un avanzo di 3.113.697 euro e stima che il 2018 si chiuderà con un avanzo di 595.326 euro. Tra entrate e somme degli anni precedenti non spese quest’anno dovrebbero confluire nelle casse dell’ente oltre 6,7 milioni di euro, partendo con un residuo di cassa di quasi 4 milioni, riscossioni previste per 2,8 milioni e pagamenti previsti per 3,8 milioni. Le spese stimate per il funzionamento della struttura sono pari a 777.365 euro, il 21% in meno rispetto all’anno precedente. Il totale delle spese previsto è invece di oltre 1,8 milioni di euro, il 19% in meno rispetto al 2017. Il costo del personale è stato stimato in poco più di mezzo milione di euro, mentre sono previsti 2.700 euro per interventi di riqualificazione ambientale, novemila euro per la comunicazione e la promozione del Parco e 452mila euro per la conservazione della biodiversità.

Approvando il bilancio, l’Ente ha specificato che è frenato da una “limitata disponibilità di personale in servizio”, pari a sei unità a tempo indeterminato, “che rende già complicata la gestione ordinaria”. E ancora: “L’Ente non prevede la realizzazione di alcun nuovo lavoro pubblico, anche per l’inesistenza di funzioni tecniche negli uffici in grado di gestirle”. Tra le attività previste quella di migliorare la cartellonistica sulla strada interrotta, la realizzazione di un punto di approdo a Zannone e il sostegno alla Soprintendenza per migliorare la fruizione di Villa Domiziano.

Rinnovata infine la convenzione con i carabinieri forestali, a cui per il 2017 sono stati concessi 270mila euro e a cui, per le spese relative al personale e alla gestione delle stazioni, nel 2018 verranno dati 70mila euro. Denaro volto a garantire, tra l’altro, il contrasto all’abusivismo edilizio e al bracconaggio.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social