Sprechi alla Comunità Montana, alla fine condannato solo Di Manno e a risarcire spiccioli

Sprechi alla Comunità Montana, alla fine condannato solo Di Manno e a risarcire spiccioli

Condanna confermata per Di Manno, ma a risarcire solo spiccioli. Al termine del processo contabile d’appello, relativo al presunto sperpero di soldi pubblici gestiti dalla Comunità Montana dei Monti Aurunci e Ausoni, è stato condannato l’ex presidente e sono stati assolti otto ex assessori.

Secondo la Procura, la revoca dell’incarico nel settore urbanistico al geometra Antonio Spirito e i contratti fatti a due tecnici che avrebbero, secondo gli inquirenti, svolto lo stesso lavoro del primo, avrebbero provocato un notevole danno erariale. Spirito, rivolgendosi al Tribunale del lavoro e sostenendo di essere stato demansionato, ottenne anche un risarcimento.

Per quella somma e per quelle date ai due professionisti ingaggiati all’urbanistica, erano stati così mandati a giudizio l’ex presidente della Comunità Montana, Onorato Di Manno, e gli ex assessori Alessio Pacione, Luciano Pecchia, Romano Fantasia, Aldo Farina, Alessandro Pannozzo, Francesco Paolo Zannella, Roberto Pietricola, Alfredo Mastrobattista ed Ermanno Notarfonzo.

La Procura aveva chiesto una condanna a risarcire 232mila euro, ma i giudici contabili del Lazio avevano ritenuto sufficienti 159.768 euro. Di Manno era stato così condannato a risarcire 105.768 euro e gli altri il resto della somma.

Fatta eccezione per Notarfonso, in primo grado condannato a pagare tremila euro, tutti hanno impugnato la sentenza. I giudici hanno così ritenuto alcune vicende ormai prescritte, ma soprattutto hanno ritenuto corretto il comportamento degli assessori della Comunità Montana. Gli otto sono stati dunque assolti, mentre Di Manno, per quanto riguarda il demansionamento di Spirito, essendo stata considerata la sua condotta di “assoluta noncuranza dell’interesse pubblico dell’ente”, si è visto confermare la condanna. Ma, riesaminata l’intera vicenda, è stato condannato a pagare soltanto 17mila euro.

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social