Quando scendere in spiaggia diventa una prova di forza (video)

Quando scendere in spiaggia diventa una prova di forza (video)

Non è una novità che a Sabaudia, ancora prima della stagione estiva si inizi a parlare delle discese a mare. Ed ora che è possibile andare in spiaggia anche tutti i giorni, la polemica si fa sentire di più. E’ la stessa di ogni anno, in assenza di interventi di manutenzione alcuni accessi al mare diventano pericolosi. E la vera notizia forse è proprio questa e cioè che quello delle discese resta un problema “irrisolvibile”. Chi deve effettuare gli interventi di manutenzione? Comune o privati? Per quanto riguarda gli accessi lontano da chioschi e stabilimenti la risposta è semplice. Ci deve pensare il Comune. Il problema delle passerelle da sistemare riguarda tutto il litorale ma quando si tratta di lato Torre Paola forse il problema è maggiore. Quella tratta di lungomare è praticamente chiusa a chiave dalle ville, gli accessi sono quasi del tutto scomparsi. Ne restano pochi non riconducibili ad attività private ed uno di questi è il numero quattro.

UN PERCORSO PIENO DI TRAPPOLE Abbiamo percorso la passerella in discesa e poi di nuovo in salita e quello che ne viene fuori è la necessità di chiuderla al più presto a meno che non venga sistemata. La passerella numero quattro è pericolosa e non poco. Molte tavole sono sconnesse ed in più punti l’intera struttura traballa. Oscilla sulla duna e ciò che rende tutto ancora più pericoloso è il fatto che la struttura non poggia al suolo ma in alcuni punti è piuttosto alta. Percorrerla è un’impresa e forse qualcuno, probabilmente nei mesi delle mareggiate aveva pensato di chiuderla perchè lato spiaggia si intravede del nastro di segnalazione bianco e rosso. Si intravede. E comunque lato strada la passerella è aperta e come già accennato è uno dei pochi accessi per accedere lato Torre Paola ad un tratto di spiaggia libera. A Sabaudia la campagna elettorale come in altri comuni è alle battute finali ed il lungomare in termini di accessibilità è uno dei cavalli di battaglia dei vari candidati. Ma la stagione estiva è iniziata ed i tempi delle promesse – elettorali – non coincidono con quelli di una città in cui le emergenze vanno affrontate ora.

E LA SICUREZZA?  Il problema sicurezza su quel tratto di spiaggia è solo aggravato dallo stato in cui versano le passerelle. Non è semplice per i soccorritori scendere tra le abitazioni dove comunque occorre chiedere il permesso per arrivare a mare passando attraverso le proprietà. Se anche gli accessi pubblici si trasformano in potenziali pericoli per chi scende o sale, allora è chiaro che installare un ripetitore per “migliorare” la comunicazione tra forze dell’ordine e soccorritori sul litorale non sarà sufficiente. Un ripetitore mobile che lo ricordiamo, è sempre stato installato solo lato Torre Paola e mai dall’altra parte su un tratto di lungomare più lungo dove per via del maggior numero di accessi si ferma la gran parte dei turisti.

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social