L’Art 1: “No all’impianto di Mitilicoltura e prolungamento area sensibile fino a Minturno”

L’Art 1: “No all’impianto di Mitilicoltura e prolungamento area sensibile fino a Minturno”

 

Articolo 1 – Movimento Democratico Progressista di Minturno è senza dubbio alcuno contrario all’impianto di Mitilicoltura richiesto dalla Cooperativa “La Marea” di Bacoli ed approvato dalla Regione Lazio.

L’impianto di mitili ha un impatto negativo

  • sul paesaggio, perché rovina una delle cartoline più belle della nostra costa,
  •   sulle attività d’acqua, creando numerosi problemi alla navigazione, alla pesca, agli sport velici,
  • sul turismo, con ripercussioni negative anche sul piano occupazionale stagionale, su cui si basa l’economia della nostra comunità.

Manifestiamo una profonda amarezza nei confronti della regione Lazio che, dopo molte promesse fatte dallo stesso Presidente Zingaretti , da pareri favorevoli alla realizzazione dell’impianto di mitili nelle acque antistanti Monte d’Oro, a poca distanza dalla costa ed a pochi metri dal Parco Regionale di Gianola Monte di Scauri.

Zingaretti sembra aver smentito quanto sopra detto, ma, scusate lo scetticismo, è arrivato il momento di mettere nero su bianco. Chiediamo una presa di posizione del Presidente.

La città di Minturno ed il suo futuro, rispetto allo sviluppo turistico, non possono restare ancora per molto sul filo del rasoio. Vogliamo risposte ORA!

Giudichiamo positivamente l’atto di indirizzo dell’ amministrazione comunale che, seppur in ritardo, in riferimento alla legge regionale del 20 giugno n°8 art.11 comma 5(che stabilisce che l’amministrazione comunale competente può formulare parere tecnico in merito), con delibera di giunta comunale n°124 del 15 maggio 2017, ha manifestato la sua contrarietà fino ad arrivare a diffidare la regione Lazio chiedendole di bloccare l’iter della concessione demaniale marittima allo scopo di mitilicoltura.

Come Art1 – MDP, abbiamo già fatto richiesta ai nostri referenti in consiglio regionale di chiedere al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti di bloccare nel più breve tempo possibile la procedura che ha avallato la realizzazione dell’impianto.

Non solo diciamo no alla mitilicoltura, ma rilanciamo la proposta che ripresenteremo tramite i nostri consiglieri regionali, e che facemmo già nel 2016 di estendere fino al Garigliano l’area sensibile, che attualmente va dal golfo di Gaeta a Torre Fico. Comitato Locale “Articolo 1 – Movimento Democratico Progressista” Minturno (LT) via Giuseppe Meazza ,5 Scauri di Minturno (LT) e-mail: articolo1mdpminturno@gmail.com

Ricordiamo che l’area sensibile fu istituita per opera dell’ex assessore regionale all’Ambiente Filiberto Zaratti, oggi Deputato di Art1-MDP, sempre impegnato su questo fronte e che continuerà a sostenere dalle aule parlamentari la nostra richiesta.

L’area Sensibile, che chiediamo di prolungare fino a Minturno, come da delibera regionale n°116 del febbraio 2010, impone:

  • l’ abbattimento degli inquinanti quali azoto e fosforo, attraverso la depurazione delle acque reflue urbane,
  • l’intercettazione e il trattamento degli scarichi a mare
  • il divieto di concessione di impianti di piscicoltura e mitilicoltura.

Questa proposta quindi non inciderebbe negativamente sulla piccola nautica, sulla pesca o altro.

Estendere l’area sensibile andrebbe solo a vantaggio della nostra città.

In fine sottolineiamo il nostro impegno già dal febbraio 2016, attraverso la raccolta firme, il volantinaggio e le manifestazioni di piazza contro la mitilicoltura, mentre molti, nonostante si proclamassero contrari , dichiaravano il loro no all’area sensibile che avrebbe di fatto, oggi, scongiurato il tutto.

Speriamo che questa vicenda faccia aprire gli occhi a qualcuno.

La Mitilicoltura è di fatto incompatibile alla destinazione turistica ricreativa del nostro litorale.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social