Abusivismo edilizio, altre grane per il sindaco

Abusivismo edilizio, altre grane per il sindaco

I lavori compiuti circa quindici anni fa nel suo appartamento di via Umberto I, quando Piero Vigorelli era solo un giornalista che amava trascorrere del tempo a Ponza, continuano a creare problemi a quello che ora è il sindaco dell’isola lunata.

Dopo un esposto presentato alla Regione, alla Procura di Cassino e all’Arma dei carabinieri, l’ufficio tecnico comunale aveva appurato che gli interventi eseguiti su quell’immobile, in particolare la rotazione del balcone, avevano portato a un aumento di superficie non autorizzata pari a 6,92 metri quadrati. Il primo cittadino aveva così pagato la sanzione, circa ottomila euro, pensando in tal modo di aver sanato e chiuso la vicenda, su cui ha continuato a battere, chiedendo spiegazioni agli uffici comunali, il consigliere comunale Sergio D’Arco.

Il responsabile comunale dell’urbanistica, Roberto Giocondi, ha però appurato che su quelle opere mancava ancora il parere paesaggistico e ha così avviato il procedimento finalizzato all’emissione di un’ordinanza di demolizione. Vigorelli ha però già risposto al Comune, specificando di aver chiesto quel parere e, una volta ottenuto tale via libera, pagando ulteriori duemila euro di sanzione dovrebbe chiudere la vicenda.

“Mi sono affidato all’epoca a un tecnico, non potevo sapere, avendone un po’ di cognizione solo oggi che faccio il sindaco, che quello che mi era stato assicurato essere totalmente regolare non lo era del tutto. Ma sto provvedendo”, assicura il sindaco.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social