“Don’t touch”, fissato l’appello per capi e gregari

“Don’t touch”, fissato l’appello per capi e gregari

Secondo round per gli imputati in “Don’t touch”. Il 14 aprile prossimo, in Corte d’Appello a Roma, si aprirà il processo di secondo grado per presunti capi, soldati e gregari di quella che gli inquirenti ritengono una nuova associazione per delinquere messa in piedi dalla criminalità rom a Latina. Un’udienza per cui a breve, dalla capitale, dovrebbero partire le notifiche agli interessati.

Secondo gli inquirenti, dall’inchiesta “Don’t touch” è emersa un’organizzazione criminale dedita da anni alle estorsioni, all’usura e allo spaccio di droga, con ampia disponibilità di armi e capaci di investire i proventi delle attività illecite in attività imprenditoriali.

Nel processo principale scaturito da tali indagini, quello che approda ora in appello, il Tribunale di Latina ha condannato nove imputati a un totale di 41 anni e mezzo di reclusione: 11 anni al presunto capo, Costantino Cha Cha Di Silvio, 3 anni e 4 mesi a Gianluca Tuma, 5 anni ad Angelo Morelli, 2 anni e mezzo a Riccardo Pasini, 2 anni e mezzo al carabiniere Fabio Di Lorenzo, di Aprilia, 6 anni a Davide Giordani,  2 anni e 2 mesi ad Alejandro Bortolin, e 4 anni e mezzo ai romeni accusati dei furti nelle ville, Ionut Necula e Alexander Prendi.

Se dovesse essere confermata anche l’associazione per delinquere delineata in “Don’t touch”, sarebbe la seconda, dopo “Caronte”, ad essere stata messa su dai rom nel capoluogo pontino.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social