Terracina, protocollo d’intesa tra Istituto Bianchini e Fondazione Cesaretti

Istituto Arturo Bianchini di Terracina

L’Istituto Tecnico Statale di Terracina Arturo Bianchini è impegnato in un ampio e complessivo progetto di innovazione del sistema educativo e formativo per poter sostenere, il ruolo centrale assunto dall’istruzione e dalla formazione a livello europeo nei processi di crescita e modernizzazione della società. In questi ultimi due anni il Dirigente Scolastico Prof. Maurizio Trani ha dato avvio a numerosi progetti, alcuni dei quali come innov@school e quello di Innovazione tecnologica in ambito didattico per la Fondazione Roma hanno già ricevuto cospicui finanziamenti, per potenziare l’offerta formativa sui temi dell’educazione allo sviluppo sostenibile secondo i criteri della sostenibilità sociale, economica e ambientale; della legalità, dell’ambiente, della diversità e intercultura, dei sani e corretti stili di vita, della solidarietà nell’ambito del dialogo sulla cittadinanza consapevole.

Trani e Cesaretti
Trani e Cesaretti

L’obiettivo è quello di offrire una formazione di alto e qualificato livello in grado di realizzare le aspettative degli studenti e delle loro famiglie, favorire un raccordo sempre più stretto e proficuo tra il sistema dell’istruzione e formazione e quello della produzione e del lavoro, promuovere nei giovani una corretta educazione agli stili di vita e di comportamento e tutelare e valorizzare le tradizioni e il patrimonio culturale e ambientale del territorio.


A tale scopo il Dirigente Scolastico Trani e il Prof. Gian Paolo Cesaretti, Presidente della Fondazione Simone Cesaretti, hanno firmato in questi giorni un protocollo d’intesa di durata triennale per realizzare progetti ed interventi volti alla promozione ed affermazione di una cultura globale del benessere e della sua sostenibilità nelle sue quattro direttrici di sviluppo: mercantile, sociale, eco–centrica per la difesa e la valorizzazione dell’ambiente e generazionale.

La Fondazione Cesaretti ha come missione l’inclusione dei giovani di oggi nella progettazione della società del domani, sostenendoli con strumenti e strategie formative, educative, informative e di valorizzazione fortemente improntate ai temi dello sviluppo sostenibile. Su tale visione, fondata sulla convinzione che la tematica del “benessere sostenibile” ricopre un ruolo rilevante nella formazione delle nuove generazioni e della cittadinanza in generale e nella crescita di una  cultura orientata ad una consapevole gestione e pianificazione delle risorse economiche, soprattutto in vista dell’attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda ONU 2030, nasce la collaborazione con il Bianchini.

I coordinatori del progetto, il Prof. Cesaretti e la Prof.ssa Petti, coadiuvati da un comitato paritetico, daranno vita all’organizzazione di iniziative di formazione e di orientamento; alla predisposizione di convenzioni relative alla realizzazione di progetti condivisi che scaturiranno dall’analisi delle richieste emergenti dal mercato del lavoro al fine di individuare nuovi profili professionali e le relative competenze, con l’obiettivo di garantire ai giovani le migliori opportunità lavorative favorendone lo sviluppo della personalità e sostenendoli nella crescita dello spirito critico, nella progressiva conquista dell’autonomia di scelta e nella valorizzazione delle proprie capacità.