Emilio Ruggieri: “I centri anziani di Itri orfani dei comitati di gestione”

Riceviamo da Emilio Ruggieri, già presidente, per due mandati del centro “Don Morosini” di Itri e componente del direttivo della stessa struttura per dieci anni, la seguente nota che pubblichiamo integralmente.

A informare i soci sulla situazione di stallo in cui versano i due centri anziani cittadini è l’ex presidente, per due mandati, Emilio Ruggieri, che, insieme ad altri collaboratori, per dieci anni ha portato avanti con impegno e sacrificio, raggiungendo tanti obiettivi, le istanze della popolazione anziana.


Emilio Ruggieri
Emilio Ruggieri

Ma andiamo ai fatti. Da oltre 35 anni la città di Itri ha due centri anziani con i relativi comitati direttivi. Con l’arrivo del Commissario Prefettizio al Comune viene fatta la proposta ai due centri cittadini di unificarsi. La stessa viene approvata all’unanimità dall’assemblea del 26.04.2016. Successivamente il Commissario Prefettizio, in data 03.06.2016, approva il nuovo regolamento che prevede che i due centri in oggetto diventino estinti quali entità a se stanti e i rispettivi organismi di gestione decadano con decorrenza 01 ottobre 2016.

Il sig. Giuseppe Paparello, già commissario dell’altro centro cittadino (“Madonna delle Grazie”), viene investito delle stesse funzioni anche per la struttura “Don Morosini” e, proprio per questa gestione subcommissariale, nomina, in sue veci, un reggente che rimane in carica fino all’insediamento del nuovo comitato di gestione.

Il giorno 02 dicembre 2016, presso l’aula consiliare del Comune, si svolge l’assemblea generale dei centri cittadini per la raccolta delle candidature alla presenza dell’assessore ai servizi sociali, del commissario Paparello e dei reggenti dei due centri anziani. Aprono i lavori dell’assemblea  i due reggenti che fanno il punto sulla situazione finanziaria. La discussione continua, poi, sulle candidature.

Dopo un acceso dibattito che mirava esclusivamente a sostenere le istanze dei soci, il sottoscritto Emilio Ruggieri, nel suo intervento, comunica ai presenti di aver avuto un incontro con il Sindaco in qualità di rappresentante del centro Don Morosini, incontro nel corso del quale sono state rinnovate le richieste già formulate nel mese di agosto, ricevendo assicurazioni sull’interessamento alle problematiche che sono state sottoposte all’esame e che il sottoscritto elencherà successivamente nel corso di questo comunicato.

Purtroppo dall’assemblea non è scaturita nessuna candidatura, quindi non è stato possibile eleggere il comitato di gestione dei due centri.

Intanto arriviamo al 20 di dicembre e l’amministrazione comunale non si pone nemmeno la domanda perché nessun componente del consiglio uscente si è candidato, anzi, con una nota, comunica che le elezioni sono state rinviate a data da stabilirsi.

Il 2 di gennaio del corrente anno presenta le sue dimissioni il reggente del circolo Don Morosini, dimissioni che vengono consegnate, in mia presenza, nelle mani del commissario Paparello insieme ad altri documenti tra cui il libretto postale e la situazione finanziaria che fa registrare un utile all’attivo di € 2.420,00.

A PAG 2 – LE RICHIESTE INOLTRATE ALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE