Sulla morte di Antonio Bardellino c’è una “Sentenza di Stato”

A PAGINA 1 ‘INDAGINE RIAPERTA, SILENZI DAI SERVIZI, LA RISPOSTA DELLA FAMIGLIA’

A PAGINA 2 ‘COSA DICE ‘SPARTACUS’ SULLA MORTE DI ANTONIO BARDELLINO’


A PAGINA 3 ‘LA POLIZIA CERCA IL CORPO A FORMIA’

A PAGINA 4 ‘I DUBBI DEI MAFIOSI’

A PAGINA 5I DUBBI NELLA COSTOLA DI ‘SPARTACUS’ E L’IPOTESI’

 

Il boss dei casalesi Michele Zagaria
Michele Zagaria

CHI E’ PIROLO? – Definito dagli inquirenti l’alter ego “nel settore del reimpiego dei capitali illeciti” di Antonio Bardellino, con cui era stato arrestato a fine 1983 a Barcellona, alla morte del capo clan ne ha fatto seguito l’ascesa. Già ritenuto luogotenente di Michele Zagaria, vicino ad ambienti P2, a Pirolo nel 2011 vengono sequestrati, insieme ad altri coinvolti, beni per un valore di 50 milioni di euro distribuiti tra la provincia di Verona e quella di Foggia con uno zoccolo duro dalle parti di Reggio Emilia; nel 2012 sequestri di quote nel settore energetico ambientale anche in Liguria. Di lui Carmine Schiavone aveva detto che già nel 1988 gli aveva proposto uno “scarico di fusti tossici”

 

A PAGINA 7 ‘LA DOMANDA INIZIALE’