Rubinetti a secco, continuano i giorni di passione nella Piana di Fondi

Rubinetti a secco, continuano i giorni di passione nella Piana di Fondi

Ancora problemi al flusso idrico e rubinetti ad intermittenza, quando non proprio a secco. Per dei veri e propri giorni di passione che, a cavallo tra la fine del 2016 e l’inizio del nuovo anno, hanno investito – e stressato – una moltitudine di Comuni pontini e del vicino Frusinate, non mancando di toccare Fondi. Dove, allo stesso modo di altri territori del comprensorio, nonostante la celerità assicurata da Acqualatina nella risoluzione delle criticità anche ieri numerose utenze, in particolare ai piani alti, erano alle prese con pesanti disservizi.

Palesatisi nella Piana nella giornata del 31 dicembre, vedendo come epicentro la popolosa frazione Querce e le aree limitrofe: una repentina diminuzione della pressione idrica della rete legata ad un abbassamento della portata della sorgente Vetere, sottolineavano dall’ufficio stampa del gestore del servizio, assicurando nel contempo delle “manovre” al fine di ridurre il disagio. Sopraggiunto il 2017, lieve miglioramento eppure problematiche persistenti in larga parte delle zone interessate, a partire proprio dalla frazione Querce: primo gennaio trascorso più o meno virtualmente in compagnia del servizio sostitutivo tramite autobotte e dei tecnici di Acqualatina al lavoro sulla rete di distribuzione, per gli abitanti del posto, senza per questo riuscire a scansare del tutto le criticità. Per un buon numero di sfortunati utenti andate ugualmente avanti nonostante gli interventi-tampone: ancora ieri si registravano segnalazioni di disagi idrici sia alle Querce che lungo via Arnale Rosso e nel centro storico cittadino. La rete ha continuato a “balbettare”.

Circostanze che hanno comprensibilmente portato ad una raffica di lamentele, e riconducibili a una preoccupante e generalizzata carenza nelle falde acquifere a servizio della rete, in assenza di piogge consistenti (e magari nuovi pozzi) ridotte ai minimi termini. Fatti che, per quanto riguarda la frazione Querce e le zone circostanti, a volte vanno però a collegarsi a tutt’altro: un quadro elettrico “troppo sensibile”, che continua a saltare. Quello che alimenta l’impianto di tiraggio di Acqualatina nei pressi di via Purpurale: “Quanto si sta verificando in questi giorni, dicono, è colpa della carenza idrica. Ma in media un paio di volte al mese siamo costretti ad interruzioni del flusso senza preavviso per colpa di quel quadro che si blocca”, hanno affermato alcuni residenti della zona, inviperiti.

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social