Aggressione nella mensa Caritas, dopo l’arresto due indagati

Questura di Latina

Aveva aggredito alcuni volontari della Caritas di via Virgilio a Latina forse perchè scontento di un pasto. Ma nel farlo, ieri sera, aveva anche gridato di volere “vendicare il fratello musulmano”. Un chiaro riferimento ad Anis Amri. Per questo gli agenti della Questura di Latina ieri sera hanno arrestato un 52enne di nazionalità marocchina R. A., queste le iniziali che oggi è comparso davanti al Tribunale di Latina. E’ stata quindi disposta nei suoi confronti l’espulsione dal territorio nazionale.

Ma la vicenda non è finita perché il 52enne non era solo. Qualcuno in quei momenti concitati ha buttato benzina sul fuoco. Una serie di controlli compresi quelli dei filmati della sorveglianza interna alla mensa, hanno permesso di rintracciare due cittadini romeni, T. O. di anni 40 e C. M. R. di anni 38, i quali sono stati indagati in stato di libertà giacché ritenuti responsabili di istigazione a delinquere, aggravata da finalità di terrorismo.