Operazione Olimpia a Latina, in sette tornano in libertà

Operazione Olimpia a Latina, in sette tornano in libertà

Tutti in libertà i sette indagati che hanno fatto ricorso al Riesame. Battuta d’arresto nell’inchiesta “Olimpia” che, ipotizzando la costituzione di tre associazioni per delinquere attorno al Comune di Latina, impegnate a fare affari illeciti con gli appalti, il Latina Calcio e l’urbanistica, due settimane fa aveva portato all’esecuzione di sedici misure cautelari e a chiedere l’autorizzazione a procedere per il deputato Pasquale Maietta.

Il Tribunale del Riesame di Roma ha sciolto la riserva e annullato l’ordinanza custodiale per l’ex sindaco Giovanni Di Giorgi, l’ex assessore Giuseppe Di Rubbo, l’ex consigliere comunale Vincenzo Malvaso, l’architetto Luca Baldini, il costruttore Massimo Riccardo, l’imprenditore Andrea Capozzi e il dirigente comunale Ventura Monti, per il quale ha disposto però la sospensione per un anno dall’attività.

Nessun indagato attualmente si trova così in carcere e per quelli ancora ai domiciliari la libertà appare solo questione di tempo, quello di discutere anche loro i ricorsi davanti al Tribunale della libertà.

Soddisfatti gli avvocati dei sette scarcerati, Lucio Teson, Valerio Spigarelli, Alessandro Paletta, Giuseppe Poscia, Leone Zeppieri, Renato Archidiacono, Luca Amedeo Melegari, Daniele Giordano e Tommaso Pietrocarlo, che attendono ora le motivazioni dell’ordinanza. Se l’annullamento è stato disposto solo sulle esigenze cautelari, ritenendo che non vi fosse necessità di carcerazione preventiva, l’impianto accusatorio è al sicuro, mentre se è stato disposto sui gravi indizi per gli inquirenti la strada si fa tutta in salita.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social