Il clan Bardellino e la discoteca Seven Up nel Golfo, a Gaeta Passerino ospita i Pascià di Minieri

Il clan Bardellino e la discoteca Seven Up nel Golfo, a Gaeta Passerino ospita i Pascià di Minieri

“Il 3 dicembre alle ore 17.00 – annuncia una nota del candidato sindaco Luigi Passerino – presso la Sala Verde dell’Hotel Serapo si terrà la presentazione del libro “I Pascià. Storia del clan Bardellino e della discoteca Seven Up”, il successo letterario del giornalista e scrittore Salvatore Minieri, giunto alla terza edizione. L’evento, organizzato in collaborazione con Luigi Passerino, sarà uno spunto per parlare di legalità nel Golfo, anche grazie alla presenza di Sergio Nazzaro, giornalista e autore di “MafiAfrica”, Andrea Cannavale, componente dell’Osservatorio per la legalità e la lotta alla mafia di Formia e Antonella D’Andrea, direttrice editoriale “Spring Edizioni”.

Salvatore Minieri

Salvatore Minieri

Salvatore Minieri scrive “I Pascià” per portare luce sulle ombre che hanno gravitato discoteca più grande d’Europa, il Seven Up di Formia, tra gli anni Settanta e Ottanta. Una storia, quella del Seven Up, ricca di risvolti noir, collegati misteriosamente alla politica di alti livelli, al caso Calvi e all’incombente presenza del clan Bardellino sulle coste del Golfo di Gaeta. Ed è proprio a Gaeta che Minieri, il 3 dicembre, verrà per raccontare al pubblico come tutto ebbe inizio, proprio negli uffici della Banca Popolare del Golfo di Gaeta.

“Parlare di legalità è importante, anche se può sembrare retorico. Ma è raccontando il passato che possiamo migliorare il nostro futuro: capire quali sono state le falle che hanno permesso le infiltrazioni della camorra, e quindi agire bene per il domani ” sostiene Luigi Passerino che, con la coalizione di Obiettivo Comune, è il promotore dell’iniziativa.

Ex Seven Up come è oggi

Ex Seven Up come è oggi

La compagnia “Luccicanza”, diretta da Diego Sasso, darà una lettura di alcuni brani del libro, al fine di raccontare con maggiore intensità la storia del Seven Up, dove, oltre trenta anni fa, le vite e le vicende della mafia e della politica si intrecciarono con la nascita del turismo sulle nostre coste. Mentre arrivavano i primi bagnanti, attratti da spiagge bellissime ed incontaminate e dal futuristico locale dei Bardellino, nelle stesse sale la mafia e la politica stringevano patti e dominavano scenari tutti italiani. Fino a quando un’esplosione causò la morte di due persone e la distruzione parziale della discoteca. Ad opera di chi e perché? Saranno questi gli interrogativi a cui Minieri risponderà nel corso della presentazione del libro, un’opera di documentazione e di narrazione che prova a far luce su tanti misteri e tanti silenzi che hanno fatto parte della nostra storia”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]