Fondi, furto di bici in due tempi: dalla nonna ai nipoti, tutti appiedati

Stessa palazzina nel centro urbano di Fondi, due furti quasi identici a distanza di una manciata di giorni. E praticamente un’intera famiglia appiedata: la madre; i due figlioletti; pure la nonna. Tutti rimasti senza bici.

Svanite da via Giovanni Lanza, andando ad arricchire la già pantagruelica lista delle due ruote rubate da oltre un anno a questa parte. Da mesi, non passa giorno in cui non ne sparisca una. Nel caso in questione, denunciato presso la Tenenza dei carabinieri, quattro mezzi dal valore complessivo che sfiora i mille euro. La prima è stata razziata la scorsa settimana, con tanto di surreale inseguimento: il ladro a scappare con il mezzo oggetto del colpo, fino a prima lasciato sotto casa; il proprietario, un minorenne, a tentare di inseguirlo in sella alla vecchia (e malmessa) bicicletta abbandonata proprio nelle vicinanze dallo stesso ladro. Inseguimento a bici invertite rivelatosi vano, e conclusosi con un’ulteriore beffa: sulla via del ritorno, il mezzo del ladro è stato “requisito” da un passante. Un adulto che asseriva fosse suo. Trascorso giusto qualche giorno, in via Lanza ancora un furto ai danni della stessa famiglia: nella notte tra martedì e mercoledì, ignoti hanno forzato il magazzino e rubato altre tre bici. Quella della sorella del ragazzino già appiedato, della madre e in ultimo, come detto, quella della nonna, peraltro nuova di zecca. Ennesima puntata di un’escalation che preoccupa non poco i residenti, molti dei quali temono che i soliti ignoti di turno possano continuare alzando il tiro.