Inveisce contro la Municipale, bagarre nel centro storico di Fondi

Una multa indigesta presa proprio di recente, una situazione di profondo disagio personale e un banale equivoco. Il tutto corroborato in maniera decisiva dai fumi dell’alcol. Fino all’improvvisa bagarre, che a Fondi ha visto una donna prendere in pieno un’auto della Municipale con un oggetto in plastica scagliato da poca distanza. Una sorta di vaschetta, che una 58enne rumena residente nel centro storico ha lanciato contro il mezzo della polizia locale perché, tra un insulto e l’altro, voleva che la vigilessa in quei momenti di fronte… si multasse da sola.

I fatti nel tardo pomeriggio di giovedì – erano circa le 19,30 – in una piazzetta ai bordi del primo tratto di corso Appio Claudio, nel cuore della città. La vigilessa, in servizio in solitaria, vi aveva parcheggiato per recarsi in un’abitazione a pochi passi. In agenda, un accertamento anagrafico. Roba di routine, se non fosse stato per il particolare e repentino seguito, che ha visto irrompere sulla scena della 58enne, uscita in fretta e furia da una casa nei paraggi. Palesemente fuori di sé, prima ha ricordato alla divisa gli oltre quarant’euro di sanzione che le erano stati comminati nei giorni scorsi per l’auto lasciata in divieto di sosta nella stessa piazzetta, poi, questione di poco, ha messo in campo lo show etilico. Dalle offese, che hanno portato all’intervento di una seconda pattuglia di supporto, all’inascoltato “diktat” sull’auto-multa, arrivando in ultima battuta all’improvvisato “lancio della vaschetta”. Per un crescendo fortunatamente smorzato dopo non molto, senza ulteriori strascichi.


Al suo arrivo, il personale dell’ambulanza dell’Ares e dell’auto medica nel frattempo giunte sul posto non hanno potuto far altro che constatare lo stato di ebbrezza della 58enne – che vive sola in una situazione di disagio e in Romania ha una figlia invalida – non ritenendo ad ogni modo opportuno il trasporto in ospedale, né per accertamenti né per un eventuale Tso. Una vicenda che, sulla base della relazione di servizio, sarà attentamente valutata dal comando di via Occorsio, non facendo al momento escludere un prossimo intervento dei Servizi sociali.