Il M5S di Formia: “Chiediamo rispetto per gli strumenti di partecipazione”

Il M5S di Formia: “Chiediamo rispetto per gli strumenti di partecipazione”

“I cittadini più attenti ricorderanno che tra le varie iniziative intraprese dal “meetup 5 Stelle” di Formia in questi anni ve ne sono alcune che riguardano la Democrazia diretta e partecipativa. In particolare abbiamo chiesto all’Amministrazione Comunale di Formia nel luglio 2013 con una petizione sottoscritta da numerosi cittadini di provvedere ai sensi del T.U. sugli Enti Locali D.lgs. 267/2000 alla emanazione dei Regolamenti attuativi degli Istituti di partecipazione popolare dei cittadini contenute nello Statuto comunale”.

In una nota, il Movimento Cinque Stelle di Formia annuncia di voler continuare la sua battaglia riguardo gli strumenti di partecipazione per i cittadini alla vita comunale.

“A distanza di circa 3 anni – continua la nota – non abbiamo ottenuto alcuna risposta al riguardo, né ci risulta che tali Regolamenti siano stati emanati. Dopo aver concesso quindi, invano, un ampio lasso di tempo per provvedere e stufi di attendere oltre, come attivisti del Meetup 5 Stelle di Formia abbiamo deciso di coinvolgere il Difensore Civico Regionale, affinché nell’ambito delle sue competenze verifichi i motivi per i quali non è stata data risposta ai cittadini richiedenti ed intervenga affinché la nostra amministrazione comunale adempia a quello che risulta essere un obbligo di legge, il tutto nell’interesse dei cittadini.

Abbiamo colto anche l’occasione per chiedere l’intervento del Difensore Civico Regionale anche su altri due argomenti sui quali avevamo sollecitato l’amministrazione comunale, cioè l’istituzione del Registro Tumori locale geo-referenziato e la istituzione e regolamentazione degli Orti Urbani, richieste puntualmente protocollate, cui ad oggi l’amministrazione comunale non ha dato alcuna risposta.

Due nostri attivisti si sono quindi recati ieri presso gli Uffici della Regione Lazio ed hanno protocollato, dopo breve ma approfondito e proficuo confronto col funzionario di turno, le tre richieste di intervento del Difensore Civico Regionale. L’incontro con il Difensore Civico Regionale è stato cordiale e proficuo. Abbiamo riscontrato una disponibilità all’ascolto e al confronto che ci ha rincuorato. Le nostre rivendicazioni sono state ritenute giuste e legittime, e confidiamo sull’intervento del Difensore Civico Regionale per porre fine all’ostinazione di un sindaco e una giunta che continuano a ignorare gli strumenti di partecipazione democratica e a snobbare qualsiasi forma di politica propositiva.

Fiduciosi che ciò possa contribuire a migliorare ed agevolare i rapporti istituzionali e non solo tra Comune e cittadini, continueremo a pungolare e sollecitare l’amministrazione comunale con tutti i mezzi democratici a nostra disposizione su queste e su altre iniziative che già abbiamo intenzione di promuovere nei prossimi mesi nell’interesse dei cittadini sulle quali, come è evidente, non molleremo mai”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]